Tumore al polmone, la scoperta per riuscire a bloccarlo

Una nuova speranza arriva per riuscire a combattere il tumore al polmone. La società Amgen ha scoperto una molecola che permette di bloccare la malattia, o meglio, le cellule da cui si diffonde. I risultati fino adesso lasciano sperare per il meglio. La società americana di biotecnologie infatti, ha trovato questa molecola che è una sorta di infiltrata speciale, che riesce a bloccare le cellule tumorali del cancro ai polmoni. E’ uno dei tumori maggiormente aggressivi e che comporta un tasso di mortalità più alto tra tutti.

Come funziona la molecola che sconfiggerà il tumore al polmone

La molecola è l’Amg510, che dà il nome anche al farmaco. In pratica, si inserisce in una tasca di una proteina e blocca il tumore nei pazienti in cui le cure non riescono ad avere alcun effetto. Verrà sperimentato molto presto, sia in Italia, che in Europa nel 2020, mentre negli Stati Uniti è stata approvata già la cura. Questa molecola è in grado di fermare il tumore al polmone, va a colpire nel dettaglio la mutazione che causa il cancro, ovvero la KRASG12C.

Lo studio e la sperimentazione sono stati pubblicati con tutti i risultati, sulla rivista scientifica Nature. Nella prima fase i risultati sono stati più che incoraggianti.

Tutti i risultati della nuova terapia contro il cancro ai polmoni

La molecola AMG 510 potrebbe diventare l’arma con cui sconfiggere i tumore al polmone. E’ chiaro che molti studi ci sono ancora da fare, ma potrebbe essere finalmente una risposta se si pensa anche all’entità di questo fenomeno. In Italia, ci sono 42500 diagnosi di tumore ai polmoni ogni anno e generalmente, è difficile riuscire a curarlo quanto piuttosto si può ottenere al massimo di tenerlo a bada, se preso in tempo. La cura in Italia sarà sperimentata nel 2020. Intanto, la sperimentazione coinvolgerà 650 pazienti in generale, di 300 centri in 15 paesi differenti. In Italia riguarderà 15 centri, coordinati tutti dall’università di Torino.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI