Come si ricarica la carta Postepay? Ecco tutti i modi possibili

Una tecnologia come quella legata alle carta prepagata ha impiegato un po’ di tempo per diffondersi in Italia, a causa di una serie di motivazioni come la mancanza iniziale di contesto, e Postepay ha sicuramente avuto un ruolo estremamente influente da questo punto di vista. Strutturata come forma di “progetto” di Poste Italiane, la carta Postepay ha avuto un successo iniziale non immediatamente evidente ma sempre crescente ed è sicuramente ancora oggi la forma di carta prepagata più utilizzata, anche incentivata da una grande disponibilità e duttilità. Come si ricarica oggi una carta Postepay?

Tra i segreti del successo di questa prepagata figura proprio la semplicità di ricarica ed utilizzo effettivo.

Nel corso degli anni le metodologie di ricarica sono state ampliate e rese maggiormente “attuabili” anche in contesti diversi.

Ricarica Postepay, come effettuarla? Ecco la risposta

Come si ricarica la carta Postepay
Come si ricarica la carta Postepay

La carta Postepay da una semplice forma di struttura di tessera di pagamento utilizzabile in vari contesti, sia online che nei negozi fisici ha trovato una forma di differenziazione in vari “modelli” che però sfruttano la medesima forma di concetto ossia offrire uno strumento tendenzialmente a costi molto ridotti se non addirittura assenti di stampo finanziario.

Le carte Postepay infatti non sono legate a conti correnti e per questo sono meno “vincolanti”.  Tra le funzioni più apprezzate rispetto alle altre carte prepagate di altri gestori figurano le varie possibilità di ricarica che permettono anche in alcuni casi ricaricare anche utilizzando i contanti: ecco tutte le principali metodologie di ricarica.

  • Attraverso uffici Postali – Attraverso contanti o un’altra carta o bancomat è possibile ricaricare una Postepay, sia nostra che di qualcun altro (a patto di avere le credenziali) ad un costo aggiuntivo di 2 euro.
  • Presso ricevitorie Sisal – In maniera simile a quanto sopra, ma ad un costo di 2 euro.
  • Attraverso App Postepay o BancoPosta, in questo caso la transazione è immediata, anche se permette di essere effettuata solo da un’altra Postepay.
  • Attraverso un ATM postale attraverso contanti, con un’altra Postepay o un’altra carta rilasciata da Poste Italiane associata a un conto BancoPosta. La transazione ha un costo fisso di 1 euro.
  • Bonifico Bancario, strumento possibile esclusivamente per chi dispone di una Postepay Evolution che è dotata di IBAN. Il costo ovviamente cambia a seconda di chi effettua il bonifico.

Rispetto ad altre tessere di questo tipo Postepay resta la più utilizzata anche alla varietà di tipologia di ricarica possibile.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI