Fino a 80.000€ per questo francobollo rovesciato: ecco qual è

Da sempre i pezzi unici o quasi anche nell’ambito degli oggetti di uso comune sono maggiormente interessanti, non solo perchè sono diversi, ma anche perchè sono più rari, e nell’ambito della filatelia in particolare si è alla costante ricerca di esemplari come quelli che sono identificabili con il più generico dei metodi degli “errori di stampa” che possono essere anche di grande valore. L’ambito filatelico è infatti diversificato come pochi in  questo senso, con pezzi che in alcuni casi hanno fatto la storia della categoria, e non sono così rari gli esemplari di francobollo rovesciato.

Diverse nazioni, fin dalla metà dell’Ottocento, “periodo di nascita” e sviluppo iniziale dei francobolli hanno fin dal principio ideato e testato vari metodi per sviluppare francobolli di ogni tipologia anche se soprattutto in principio incappare in errori di stampa non era così rara come eventualità.

Un pezzo come quello in questione oggi è ricercatissimo e può letteramente arricchire il fortunato possessore.

Hai trovato un francobollo rovesciato? Controlla se è questo

francobollo rovesciato

Il francobollo può considerarsi un’invenzione importantissima, nata a seguito di una necessità ossia quella di migliorare lo sviluppo della corrispondenza postale ma anche di concepire una forma di tassa fissa per oggetti come i giornali. Anche se oggi questa funzione in particolare non viene adottata, il francobollo resta qualcosa di fondamentale, esistendo ancora l’idea dell’affrancatura, concepita come tassa pagata in anticipo dal mittente, nei confronti del destinatario.

La produzione di francobolli continua ad essere concepita in fogli, che sono tagliati, dopo essere stati stampati con dei macchinari: in principio questo avveniva ad una cadenza minore rispetto a quella attuale, e proprio per questo motivo i vari metodi anti contraffazione dei francobolli hanno concepito anche gli errori di stampa, quello di oggi è il Dendermonde invertito.

Questa forma di esemplare ha poco più di un secolo, essendo stata concepita dal Belgio, in particolare una tipologia di esemplari che hanno fatto parte di una serie concepita tra il 1915 e il 1919. Il Dendermonde che è un tipo di municipio dalla struttura estetica tipica belga, è stato sviluppato in diverse centinaia di esemplari, nel 1920.

Come in altre situazioni durante la stampa l’errore fu notato e quasi tutti gli esemplari furono distrutti, eccezion fatta per questa piccola quantità che si è ridotta a poco meno di 20 pezzi ancora teoricamente esistenti, condizione che ha portato questi pezzi ad essere ricercatissimi: un singolo esemplare è stato battuto all’asta anni fa per circa 75 mila dollari, ed oggi realisticamente un esemplare tenuto alla perfezione vale fino a 80 mila euro.

francobollo rovesciato 2

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI