Come si puliscono gli asparagi? Ecco la risposta dell’esperto

Gli asparagi sono ortaggi primaverili deliziosi e nutrienti. Sono una buona fonte di vitamine A, C e K, nonché di fibre e acido folico.

Qualche notizia su come mangiare gli asparagi

Gli asparagi possono essere gustati in vari modi. Possono essere mangiati crudi, saltati, arrostiti o grigliati. Sono spesso usati come contorno, ma possono anche essere utilizzati in insalate, zuppe e quiche.

Sono una buona scelta per chi segue una dieta sana, perché a basso contenuto di calorie e grassi e ricchi di nutrienti essenziali. E sono anche una buona fonte di antiossidanti, che possono aiutare a proteggere il corpo dalle malattie.

Ecco come pulire gli asparagi

Pulire gli asparagi è un processo semplice che richiede solo pochi passaggi. È necessario solo avere asparagi freschi, un coltello affilato, un tagliere, un pelapatate e un panno da cucina; in seguito servirsi di abbondante acqua corrente.

Dopo essere stati raccolti, gli asparagi vanno accuratamente sciacquati sotto acqua corrente fredda per rimuovere qualsiasi sporco o residuo. Prestare particolare attenzione alla parte inferiore degli asparagi, dove potrebbe esserci più terra. A questo punto, servendosi di un coltello, eliminare la parte dura del gambo; tenere ogni asparago per la base e piegarlo delicatamente finché non si spezza. Il punto di rottura indica la fine della parte dura del gambo che va eliminata. Tagliare via questa parte con un coltello affilato. I gambi andrebbero pelati con un pelapatate, ma è una scelta soggettiva, soprattutto quando si ha a che fare con asparagi che hanno gambi spessi e legnosi; quindi, utilizzare un pelapatate per rimuovere la parte esterna filamentosa, pelando solo la parte inferiore del gambo e lasciando intatta la punta più tenera.

Un altro passaggio richiede l’eliminazione delle foglie e le squame, usando le dita per far scorrere delicatamente le foglie e le squame lungo il gambo verso il basso. Tutto il rimanente si può togliere con l’uso di un coltello da cucina. Una volta terminata tutta la pulizia e l’eliminazione delle parti più dure, sciacquare gli asparagi per rimuovere eventuali residui di sporco o pelatura rimasti sul gambo dell’asparago. Infine, asciugare accuratamente con un panno da cucina per eliminare l’acqua in eccesso.

Non dimenticate che…

Per ottenere un sapore più intenso, il consiglio è di non eliminare troppo materiale dai gambi degli asparagi troppo sottilmente. Inoltre, se gli asparagi raccolti, pelati e puliti non vengono subito utilizzati, è consigliabile riporli in frigorifero, avvolti in un panno umido per qualche giorno e consumarli cucinandoli a piacimento personale.

Ricorda, inoltre, che gli scarti degli asparagi possono essere utilizzati per preparare un brodo vegetale saporito.

A proposito di brodo con gli scarti degli asparagi, alcuni consigli utili

Per un brodo dal sapore più deciso, potete tostare leggermente gli scarti degli asparagi in forno prima di aggiungerli alla pentola. Potete aggiungere altre verdure al brodo, come patate, zucchine o pomodori.

Il brodo di asparagi si conserva in frigorifero per 3-4 giorni o può essere congelato per un uso successivo.

Utilizzi del brodo di asparagi:

Minestre e zuppe: Il brodo di asparagi conferisce un sapore delicato e raffinato a minestre e zuppe.

Risotti: Il brodo di asparagi è perfetto per preparare un risotto cremoso e saporito.

Salse: Il brodo di asparagi può essere utilizzato per creare salse delicate per accompagnare carne, pesce o verdure.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI