Come risparmiare sull’aria condizionata in auto: il trucco è geniale

Con l’inizio delle prime giornate calde, è quasi inevitabile accendere l’aria condizionata sia in casa che in automobile, ed entrare in qualsiasi attività commerciale, avvertendo quello strano, ma piacevole senso di refrigerio, impossibile da provare nelle ore più calde della giornata.

Del resto, l’aria condizionata è un’invenzione fantastica, soprattutto durante le giornate calde e afose. Tuttavia, può avere un impatto significativo sui consumi di carburante, soprattutto per chi la utilizza frequentemente.

Ecco alcuni consigli e trucchi per risparmiare sull’aria condizionata in auto

Per non essere presi alla sprovvista e trovarsi a pagare cifre improponibili nelle nostro bollette della luce, è necessario pensare all’ottimizzazione dell’uso dell’aria condizionata, che va accesa solo quando è strettamente necessario. Ciò significa che in auto non va accesa subito, soprattutto se l’auto è rimasta a lungo all’ombra, quindi a debita distanza dalle posizioni soleggiate che trasformano le auto in vere e proprie fornaci, soprattutto nelle ore di punta. Ma, anche se all’ombra, il calore della macchina rimane; quindi come fare per non soffocare? Semplicemente basta aprire i finestrini per qualche minuto per far circolare l’aria calda e poi attivare il climatizzatore solo quando serve.

Se poi è assolutamente impossibile risalire in auto, allora si pensi di impostare una temperatura moderata, con una differenza di circa 5-6 gradi rispetto alla temperatura esterna, sufficiente per stare comodi. Inoltre, quando l’auto è in movimento, è bene attivare la funzione di ricircolo dell’aria per evitare di sprecare aria fresca e per mantenere il fresco all’interno dell’abitacolo. Un ulteriore consiglio è quello di spegnere l’aria condizionata, se si è in coda o ci si sta avvicinando a un semaforo rosso.

Tutto questo è possibile, se l’auto è parcheggiata all’ombra o in un garage, dove il calore, è vero, risulta comunque in evitabile, ma non rende le temperature incandescenti. Nel caso in cui l’auto però sia parcheggiata sotto il sole, si può optare per un parasole, che riduce l’esposizione diretta del sole all’interno dell’abitacolo, mantenendolo più fresco.

È bene che nei mesi precedenti alla stagione estiva venga fatta una verifica del climatizzatore da parte di un professionista e questo controllo dovrebbe avvenire preferibilmente almeno una volta all’anno. Oltre al climatizzatore, va controllato e, in caso sostituito, il filtro antipolline, perché, se intasato, può ridurre l’efficienza del climatizzatore e aumentare i consumi.

Esistono alternative all’aria condizionata?

Potrebbero. Si può pensare di aprire i finestrini, se il tempo lo permette, e quindi non fa né troppo caldo né piove. Si può pensare di installare anche un ventilatore portatile alimentato dalla presa accendisigari, che può essere utile per aumentare la circolazione dell’aria all’interno dell’abitacolo. E, sotto il sole, come detto precedentemente, è consigliabile usare un parasole che limiti l’esposizione diretta ai raggi solari.

Seguendo questi consigli potrai ridurre significativamente il consumo di carburante dovuto all’utilizzo dell’aria condizionata in auto, risparmiando denaro e contribuendo alla tutela dell’ambiente.

Ricorda anche che…

Guidare in modo ecocompatibile significa anche mantenere una velocità costante, evitare frenate brusche e utilizzare marce basse nelle partenze e nelle salite.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI