Il Locomotive Jazz 2018 in Puglia dal 10 luglio al 3 agosto

In Puglia, dal 10 luglio al 3 agosto 2018, arriva il Locomotive Jazz 2018, un evento musicale imperdibile che accoglierà numerosi artisti.

0
86
teatro
Fonte web: Pixabay

Sta finalmente per arrivare il “Locomotive Jazz Festival”, con una tredicesima edizione che si terrà in Puglia dal 10 luglio fino al 3 agosto 2018, sotto la direzione artistica del sassofonista Raffaele Casarano.

L’evento di Locomotive Jazz 2018, anche quest’anno, accoglierà numerosi artisti del panorama musicale italiano e internazionale, come Malika Ayane (super ospite dell’Alba Locomotive che si svolgerà nella notte tra il 28 e il 29 luglio a Castro Marina), Avion Travel, Dolcenera, Bungaro, Fabio Concato, Kurt Elling, Kenny Garrett, Stefano Di Battista e Nicky Nicolai, Nick The Nightfly, Gilles Peterson, Nicola Conte, Till Bronner e Dieter Ilg.

Il filo rosso dell’edizione 2018 del Locomotive Jazz 2018 sarà rivolto agli orizzonti di “crescere”, la parola scelta per raccontare un territorio con le sue periferie e per mettere in musica le sue storie e le sue ferite. A tal proposito, Locomotive 2018 ha deciso di essere nei luoghi di frontiera e maltrattati, come San Cataldo, o vittima di etichette ormai logore, come Taranto, città industriale che però nasconde una storia e una cultura profonde e da riscoprire.
La tredicesima edizione del Festival si sposta a Taranto, Ceglie Messapica, Lecce, Castro Marina, Roca, Torre Sant’Andrea e San Cataldo, dove ieri si è svolta la conferenza di presentazione a cui hanno partecipato il sindaco Carlo Salvemini, l’assessore regionale Loredana Capone, gli assessori leccesi alla Cultura Agnoli e allo Spettacolo Foresio e  Raffaele Casarano, il quale si è anche esibito in un assolo di sax sul faro eseguendo “Caruso” di Dalla e “Over the rainbow”.

«La sfida di tutti è quella di seguire quel che fa la Musica, liberarsi dalle gabbie, diffondersi senza limiti – dichiara il sassofonista – il LJF, rispetto ad altri festival musicali, ha un pensiero forte: la musica come strumento attraverso cui narrare altre storie e fare luce su delle problematiche di carattere ambientale, sociale, culturale. Nel corso degli anni sono venuti a suonare per il Locomotive musicisti di fama internazionale, che hanno sposato la nostra causa, appassionandosene, imparando ad amare il Salento, le sue debolezze e la sua bellezza estrema».