Giornata Mondiale del Rifugiato, a Bari proiettato il documentario Amina

0
16
Giornata Mondiale del Rifugiato

Al cineporto della città metropolitana di Bari è stato proiettato il documentario Amina in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato. La proiezione è avvenuta in forma del tutto gratuita e chiunque poteva parteciparvi fino ad esaurimento posti. Il documentario è stato proiettato alle ore 20:00 nella Giornata Mondiale del Rifugiato ed è stato realizzato con la regia di Luciano Toriello e con la produzione di MAD, Memorie Audiovisive della Daunia, con il contributo dell’Ente Parco Nazionale del Gargano e di Fondazione dei Monti Uniti di Foggia.

Il documentario ha avuto anche il patrocinio del MIBACT, in quanto ha fatto parte del progetto del Ministero intitolato “MigrArti – Sezione Cinema”. Il corto era basato sulla vita di Assane, protagonista della vicenda narrata, che arriva in Italia con la sua chitarra e l’amore con la sua musica che lo porterà in giro per il mondo. Purtroppo, le mille difficoltà incontrate nel cammino lo costringono ad abbandonare la musica e i suoi sogni.

Documentario toccante nella Giornata Mondiale del Rifugiato

Il corto Amina proiettato durante la Giornata Mondiale del Rifugiato narra quindi la storia di Assane, un chitarrista professionista nato in Dakar, Senegal e giunto in Italia che dopo aver lasciato la musica per le difficoltà ricomincia a vivere grazie ad un incontro speciale. Il film è stato girato la scorsa estate e alcune riprese sono state effettuate sino ai primi mesi di quest’anno. Il documentario è frutto di un trattamento di Annalisa Mentana su un soggetto scritto con lo stesso regista Luciano Toriello.

Le riprese sono state fatte nei territori di Monte Sant’Angelo e aree del Parco Nazionale del Gargano. Il documentario nella serata di presentazione è stato introdotto da Fabio Losito, assessore all’Accoglienza e alla Pace che è anche consigliere del comune della città metropolitana di Bari. In sala erano presenti anche il regista Luciano Toriello con i Saraabà, che hanno riproposto dal vivo alcuni spezzoni dei brani della colonna sonora originale del film.