Connect with us

Eventi in Puglia

Il barese Pino Pascali maestro dell’arte povera

Published

on

Pino Pascali

Nonostante sia vissuto solo 33 anni, Pino Pascali è stato il maestro dell’arte povera e la fondazione Polignano a Mare lo celebra riassumendo tra le mura del suo ex mattatoio opere d’arte d’avanguardia internazionali. L’artista è la pura dimostrazione di come la Puglia valorizzi e sia fonte di energie artistiche molto spesso inaspettate, in grado di travolgere per l’originalità e la bellezza.

Nato a Bari nel 1935 da genitori originari di Polignano a Mare, Pino Pascali è considerato dai suoi ammiratori il creativo pugliese maggiore del Novecento maestro dell’arte povera e anche il più celebre a livello mondiale. L’artista divenne famoso già da giovincello e da subito si era fatto apprezzare per i suoi lavori. Pascali frequenta a Roma l’Accademia delle Belle Arti, poi prende lezioni dal pittore e poeta Toti Scajola. Presto la RAI lo contatta come scenografo e per la rete realizzerà caroselli, spot e sigle, ma anche numerosi plastici e disegni.

Pino Pascali precursore dei concetti degli anni ‘70

Pino Pascali espose la sua prima personale presso la galleria La Tartaruga, sempre a Roma, e presto si impose all’attenzione dei critici d’arte più importanti dell’epoca, tra cui Vivaldi, Calvesi, Bucarelli, ma anche Sargentini, Sperone e Iolas. Nel 1968 espose le sue opere in occasione della trentaquattresima Biennale di Venezia, ma fu proprio quello stesso che trovò la morte a causa di una vettura che lo ha investito mentre stava guidando la moto.

Dopo la morte gli fu assegnato il Premio internazionale per la Scultura, anche se l’artista si esprimeva anche come scenografo e performer, dimostrando di essere sempre originale unico.  Pascali è considerato uno dei precursori dell’arte povera, il primo che seppe gettare le basi che poi divennero i rappresentative delle opere degli anni ’70. Nel 1998, nel museo intitolato all’artista sono state raccolte le sue opere: il museo poi divenne la Fondazione Pino Pascali nel 2010 che ha la sua sede in un ex mattatoio restaurato, a strapiombo sul mare, proprio dove lo scultore desiderava vivere.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ressegne

Rassegna Nino Buonocore alla Stazione 37, a Taranto

Una serata dedicata al celebre cantautore e compositore napoletano

Published

on

Rassegna Nino Buonocore

Rassegna Nino Buonocore alla Stazione 37 a Taranto in collaborazione con Laboratori D’arte. L’artista il cui nome vero è Adelmo Buonocore, cantautore e compositore napoletano, artista, compositore, ha scritto la storia della musica italiana a partire dai primi anni ’80 collaborando con importanti musicisti con i quali si è avvicinato al jazz. Buonocore ha duettato nel 1988 con Chet Baker nel corso di una session di presentazione dell’album “Una città tra le mani”. La Super band composta da Nicola Stilo, Rino Zurzolo, Massimo Volpe e Peppe Sannino.

Rassegna Nino Buonocore riproposte le hit della top ten delle classifiche italiane

Rassegna Nino Buonocore nel corso della serata saranno riproposte le hit facenti parte delle top ten delle classifiche italiane e alcuni canzoni inserite nell’ultimo album relativo al 2013, “Segnali di umana presenza”. Questo è stato per l’artista un esperimento in lingua inglese, francese, portoghese e spagnolo. La sua storia e gli eventi della sua vita in generale, camminano di pari passo con la musica, le canzoni e l’arte, sono un esempio “Scrivimi”, “Rosanna”, “Il Mandorlo”, “Boulevard”. Nel corso della serata ci sarà un pò di jazz, di swing e ritmi carioca.

Informazioni per la partecipazione alla serata

Per accedere è necessario essere in possesso della tessera e del green pass, per prenotare si può chiamare uno dei numeri 3427413133 – 3939305967. Il contributo per la partecipazione al concerto è di €25 con l’aggiunta di 5€ per un totale di 30€ per l’acquisto della tessera. Tutte le informazioni sono scritte sulla pagina web ad essa dedicata www.ceagency.eu/nino-buonoc…

Continue Reading

Trending