Nicola Lagioia
Nicola Lagioia , riconoscimento editoriale: wikipedia.org

MONOPOLI– Con l’incontro con Nicola Lagioia al Teatro radar di Monopoli si conclude il ciclo di appuntamenti StagioniDiverse – come l’arte di raccontare storie cambia la nostra vita, il ciclo di incontri a cura dello scrittore Premio Strega. L’incontro avrà come fulcro Colazione da Truman, su come Truman Capote ha rivoluzionato l’arte di raccontare la verità attraverso la finzione letteraria. Lo scrittore, presidente onorario di Teatri di Bari dalla fondazione del consorzio e direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino dal 2016, nel 2015 ha vinto il Premio Strega con il libro “La ferocia”, edito da Einaudi.

Nicola Lagioia Premio Strega

Il titolo del libro di esordio di Nicola Lagioia, pubblicato nel 2001, è “Tre sistemi per sbarazzarsi di Tolstoj” seguito nel 2004 da “Occidente per principianti” e nel 2009 da “Riportando tutto a casa”. E’ direttore di “nichel”, la collana di letteratura italiana di minimum fax, è fra i tre componenti del blog letterario minimaetmoralia.com e rientra tra i giurati della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Nell’incontro che si terrà il 5 aprile al Teatro Radar di Monopoli farà un’ampia riflessione sulla tematica e sulle affermazioni di Truman Capote, maestro del new journalism.

In Colazione da Truman emerge un Capote eccentrico

In questo libro intervista, raccolto in due anni di incontri da Lawrence Grobel, ad emergere è un Capote piuttosto irriverente, che con le sue provocazioni antiletterarie spazza via qualsiasi opinione o concetto sacrale dell’artista e dell’arte in genere. In questo libero emerge infatti una persona eccentrica, esibizionista, un personaggio che si rivela essere pubblico prima che scrittore, che mette in gioco se stesso mentre parla di Hollywood e della società letteraria newyorkese, per dare vita ad un quadro del Novecento americano piuttosto curioso e avvincente.