Connect with us

Mostre

A Bari una mostra Rom e Sinti al Museo Civico

La mostra Rom e Sinti mira a far conoscere meglio la storia di questo popolo

Published

on

A Bari una mostra Rom e Sinti al Museo Civico

La cooperativa sociale Il Nuovo Fantarca ha organizzato la mostra Rom e Sinti che si terrà al Museo Civico di Bari fino al 21 novembre 2021. La mostra mira a far conoscere meglio la storia di questo popolo e rientra nell’ambito del progetto “Fuori Campo”, cofinanziato dalla Regione Puglia – Coordinamento Politiche Internazionali sezione Relazioni Internazionali, in collaborazione con il Festival delle Donne e dei Saperi di Genere e l’associazione Circondario. Si tratta di una mostra illustrata che si propone anche di spazzare via quelle parvenze di razzismo che spesso affiorano contro questi popoli. Il titolo di questa mostra è “Rom e Sinti: Storia e storie da scoprire” e si divide in due parti.

La mostra Rom e Sinti si divide in due parti

La prima parte della mostra Rom e Sinti presenta 25 pannelli che ha disegnato l’artista anglo-russa Irina Hale, una pittrice novantenne molto attiva, che rappresenta sempre con coerenza le ingiustizie sociali nelle sue opere. Quello della storia del popolo Rom e Sinto è un racconto a grandi tappe, composte dalle deportazioni numerose che già a partire dal 1400 hanno dovuto subire verso i campi di concentramento nazisti. Hanno subito anche la Porrajmos, ovvero la Shoah dei Rom e Sinti, fino a giungere alla attuale situazione in cui si trovano nell’Occidente. Ovunque, anche in Italia, le comunità Rom vivono in campi degradati e privi di servizi igienici e di qualsiasi comfort.

Tanti i pregiudizi verso i Rom

A curare la seconda parte della mostra Rom e Sinti è lo studioso barese Domenico Semisa, esperto di culture delle minoranze. I suoi modelli proposti sono persone Rom e Sinte che si sono distinte a livello nazionale e internazionale e sono diventate famose nelle arti, nello sport, nella politica e in altri settori. Fra questi ci sono nomi famosi come Moira Orfei, Charlie Chaplin, Elvis Presley. Nella giornata del 16 novembre, dalle ore 18, verranno proiettati due corti durante la mostra, realizzati nel corso del lockdown, che rientrano sempre nel progetto Fuori Campo. Si tratta di “DONP – Dagli Oggetti Nascono Personaggi” e “Se andavo a scuola, andavo lontano”.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mostre

Bari, al via la mostra collettiva dell’associazione Voga fino al 12 settembre

Parte la mostra collettiva dell’associazione Voga, in 13 opere si possono ammirare paesi che si affacciano sul Mediterraneo

Published

on

Parte la mostra collettiva dell'associazione Voga, in 13 opere si possono ammirare paesi che si affacciano sul Mediterraneo

Dal 10 agosto al 12 settembre si potrà ammirare la mostra collettiva dell’associazione Voga. La facciata di Palazzo di Città di Bari ospita i 13 stendardi di “Minimum Standards”, una mostra ideata nell’ambito del cartellone di Festa del Mare 2021. Gli organizzatori della mostra sono tre giovani artisti pugliesi, Nicola Guastamacchia, Flavia Tritto e Bianca Buccioli.  Nelle 13 opere esposte su muri del Comune barese si possono ammirare paesi che si affacciano sul Mediterraneo. L’assessora alle Culture del Comune di Bari, Ines Pierucci, ha spiegato che le opere scelte rappresentano le espressioni artistiche di 13 Paesi che hanno l’affaccio sul Mediterraneo.

Sono 13 le opere della mostra collettiva

Il progetto presenta opere di artisti locali e internazionali in una mostra collettiva che è stata allestita sulla facciata principale del Palazzo di Città del comune di Bari e rientra nell’ambito del cartellone di Festa del Mare 2021. L’assessora Pierucci ha sottolineato che quando è stato condiviso il progetto è subito saltato all’occhio il fatto che fosse assolutamente adatto per essere realizzato in occasione dell’evento Festa del Mare. Infatti, è stato chiesto agli artisti di riflettere proprio su quel mare che abbraccia le terre. Realizzata in collaborazione con Beirut Art Residency, Harabel, P.E.T Projects, Jiser, in-ruins, la mostra invita a riflettere sui requisiti minimi di qualità che compongono lo spazio pubblico.

Le opere sono di artisti locali e internazionali

I curatori della mostra collettiva, Flavia Tritto, Bianca Buccioli e Nicola Guastamacchia, hanno ribadito la loro felicità riguardo l’interesse dimostrato dalle istituzioni. Gli artisti hanno detto di essere fiduciosi e che sperano si tratti solo dell’inizio di un percorso che ha l’arte contemporanea e la città di Bari come protagonisti. Il progetto invita a riflettere e ad agire sulla società. Le opere esposte sono di artisti locali e internazionali: Amphibia, Louise DiB, Safa Attyaoui, Natalija Dimitrijević, Fabio Ignazio Mazzola, Marianne Fahmy, Qeu Meparishvili, Rehan Miskci, Olga Migliaressi-Phoca, Sara Naim, Violeta Ospina Domínguez.

Continue Reading

Trending