Old photo of Taranto's harbour Riconoscimento editoriale: Wikipedia

TARANTO – I commerci con i paesi orientali non sono certo una novità per la città pugliese. Questa nuova entità di scambio commerciale internazionale, si sviluppa a partire dall’investimento che Taranto ha compiuto verso il suo porto. “Viva soddisfazione per l’intensificarsi dei rapporti col mercato cinese ed ora al lavoro per inserire Taranto nella Via della Seta”. Ecco le parole dell’assessore allo Sviluppo economico Mino Borraccino, il quale commenta l’incontro con la delegazione di imprenditori cinesi in visita “per avviare collaborazioni nel settori tessile, moda e abbigliamento e il Presidente dell’apposita Sezione di Confindustria”

“L’attenzione degli operatori economici pugliesi e tarantini verso gli imprenditori asiatici del settore Fashion è significativa. – prosegue Borraccino – Uno specifico Protocollo è stato sottoscritto dalla Regione Puglia nell’agosto scorso con Sistema Moda Italia (organizzazione di rappresentanza degli industriali del tessile e moda) e con Confindustria Puglia, allo scopo di incoraggiare le missioni incoming per favorire e sostenere i processi innovativi e di internazionalizzazione delle micro, piccole e medie imprese pugliesi del settore tessile e moda”.

“L’obiettivo – aggiunge l’Assessore – è reagire alla fase di crisi economica dando nuovo slancio alle politiche pugliesi di consolidamento sui mercati esteri, in modo particolare in quelli asiatici, che si rivelano molto promettenti per le nostre imprese”. Possibile “una ulteriore misura di internazionalizzazione, il cui Avviso uscirà a breve, all’interno della quale sarà prevista la figura dell'”export manager”, destinata a pianificare e implementare le azioni volte a intensificare le esportazioni da parte delle imprese pugliesi”. S

Avanzata inoltre “l’opportunità di un gemellaggio istituzionale fra la nostra provincia e quella di provenienza della delegazione, quella dello Jiangsu, per ampliare le possibilità di promozione reciproca dei rispettivi territori”. “Vista la strategicità degli scambi con la Cina,- ha concluso Borraccino – è importante e necessario sia inserire Taranto nella Via marittima della Seta, soprattutto ora con l’attivazione della Zona Economica Speciale Jonica”.