ruvo di puglia teatro

Dal 19 luglio 2018 al 10 agosto 2018 avrà luogo a Ruvo di Puglia “Vedo il mare laggiù – avvistamenti teatrali“, una rassegna di teatro open air nella città. “Se la città fosse una nave, sarebbe da arrampicarsi sulla punta dell’albero più alto, per vedere dove si va. Che si vede da lassù? Un approdo? Dove va, la città? I teatranti e i poeti hanno talvolta il dono della visione, riescono a scorgere cosa c’è oltre l’orizzonte che vediamo da terra.”

“Vedo il mare laggiù – avvistamenti teatrali”, è una rassegna di teatro open air nella città di Ruvo di Puglia, che torna per il secondo anno consecutivo. “Si tratta di un progetto della Compagnia Kuziba in cui, mediante il teatro, mantenere vivo il dialogo tra il centro e le periferie della città, tracciarne una mappa e continuare ad abitare assieme alle piazze, perché gli spazi che frequentiamo tornino a essere nostri, cioè di ciascuno e di tutti.”

La rassegna si apre il 19 luglio 2018 in Largo dell’Annunziata con uno spettacolo dal sapore salentino, “Iancu. Un paese vuol dire” di e con Fabrizio Saccomano e si continua il 26 luglio 2018 nel Cortile della Pinacoteca Comunale con “A cosa serve la poesia” di Giuseppe Semeraro e Gianluigi Gherzi. Si riprende il 3 agosto 2018 con “OLTREtutto”, un commovente e sincero omaggio a Don Tonino Bello attraverso le parole e la voce di Michele Santeramo, ospitato in Piazzetta Turati. Grande festa finale il 10 agosto 2018 con Cavalieri Erranti. Le audaci imprese, l’arme, le cortesie, l’arte, gli amori dei Cantieri Teatrali Koreja, un coinvolgente spettacolo di strada sulla mitica figura di Don Chisciotte in Piazza Donatori di sangue.

Tutti gli appuntamenti compresi nella rassegna sono a ingresso gratuito. In caso di maltempo gli eventi si svolgeranno a Palazzo Caputi. Per qualsiasi informazione e per iscrizioni lab, si può contattare l’indirizzo e-mail kuzibateatro@gmail.com.