Connect with us

Shopping

Cosmetica Green: un mercato da 50mld di euro l’anno

Published

on

Cosmetica Green: mercato da 50mld di euro

Al giorno d’oggi si presta sempre più attenzione a temi come l’ecologia e la sostenibilità. Sempre più consumatori si avvicinano alla cosmetica green, preferendo creme, trucchi e prodotti per la bellezza in grado di ridurre l’impatto ambientale e l’inquinamento: un business che vale già oltre 50 miliardi di euro a livello globale ed è in crescita del 10%.

Per questo motivo Nivea ha deciso di realizzare l’infografica “Cosmetici naturali, trasparenti e sostenibili: una guida all’acquisto“, approfondendo le preferenze degli eco-consumatori e le caratteristiche di questi nuovi prodotti.

In Italia questo segmento ha superato il miliardo di euro di valore e i consumatori più attivi sono i Millennial e la Generazione Z. Il 37% ricerca prodotti che abbiano un packaging eco-friendly, tanto che il 41% evita di utilizzare la plastica, il 42% è disposto a pagare di più per un prodotto ecologico e il 44% vuole sapere se quello che acquista è stato prodotto in modo etico.

Non tutti i prodotti sono però uguali, bisogna distinguere tra ingredienti naturali e di origine naturale: entrambi provengono sì dal regno vegetale, minerale o animale ma se i primi vengono trasformati tramite procedimenti chimici, quelli di origine naturale sono ottenuti tramite metodi enzimatici e microbiologici.

Al contempo, infine, non tutte le sostanze sono adatte ai vari tipi di pelle: ad esempio per una cute normale bisogna preferire ingredienti come l’olio d’oliva e l’aloe vera, miele e pappa reale sono perfetti per la pelle secca, mentre tè verde, salvia e rosmarino sono ideali per una pelle grassa soggetta ai punti neri.

Queste e altre utili informazioni sui cosmetici naturali sono riportare nell’infografica realizzata da Nivea, che oltre ad approfondire le varie sostanze naturali, elenca i vari packaging sostenibili oggi in commercio.

Infografica Nivea

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shopping

Tra Lombardia e Puglia previste quattro aperture dello store Arcaplanet

Published

on

arcaplanet puglia

Da nord a sud sono previste quattro aperture dello store Arcaplanet. Dalla Lombardia alla Puglia la rete è in costante espansione e continua ad inaugurare una serie di negozi. Attiva in Svizzera e in 17 regioni italiane con 350 punti di vendita l’insegna petcare è in fase di ampliamento. I negozi sono stati aperti a Paderno Dugnano, a Milano, a Taranto e a Bari. Il brand vanta un assortimento completo sia di cibo che di accessori e quant’altro per gli animali. Sono oltre 10.000 gli articoli che comprendono cibo, accessori e giochi per gatti, cani, pesci, roditori, uccelli e anfibi. Per i consumatori c’è una bella sorpresa: infatti, è prevista l’iscrizione al programma fedeltà ArcaClub per avere diritto a sconti e numerosi vantaggi.

Il fondatore del brand intenzionato ad espandersi

Il fondatore e Ad di Arcaplanet Michele Foppiani ha specificato che le aperture dello store Arcaplanet sono la conferma che c’è da parte del brand il volere di proteggere e tutelare coloro che adorano gli animali. Per questo intende proseguire nel far diffondere la catena, incrementando così la possibilità per i consumatori di trovare nelle proprie vicinanze i nostri pet store del brand. Inoltre, la presenza di personale qualificato e competente è un dettaglio non indifferente per i consumatori che vogliono conoscere tutto sul loro animale.

Formazione per gli addetti alle quattro aperture dello store Arcaplanet

Come vuole la tradizione nel caso della nascita di nuovi negozi del brand, gli addetti che sono stati assunti per le quattro sedi hanno seguito un training dedicato e appositamente preparato dall’Academy di Arcaplanet. Il corso di formazione è stato condotto da professionisti del settore veterinario, veri esperti che hanno formato al meglio i nuovi assunti.

Continue Reading

Trending