Connect with us

Cucina

Peperoncini ripieni sott’olio, antipasto piccante e gustoso tipico della Puglia

Published

on

peperoncini ripieni

I peperoncini ripieni sott’olio sono una ricetta tipica della Puglia e vanno serviti come antipasto o per arricchire un secondo. Gustosi e piccanti, rivelano la passione e il calore di questa terra generosa. Ottimi da conservare fino a tre mesi, ecco la ricetta per realizzare i peperoncini ripieni sott’olio.

Ingredienti

500 g di peperoncini piccanti rotondi

200 g di tonno sott’olio

5 acciughe sott’olio

6 grani di pepe

3 chiodi di garofano

3 grani di ginepro

2 cucchiai di capperi

250 ml di vino bianco

250 ml di aceto

Olio extra vergine d’oliva

Preparazione

Lavare i peperoncini, togliere il picciolo e svuotarli con un coltellino. In una casseruola versare vino e aceto, aggiungervi sale e spezie e portare ad ebollizione. Al primo bollore unire i peperoncini e far cuocere per 4 minuti a fiamma media. Togliere i peperoncini e farli asciugare su un canovaccio per tutta la notte. Preparare il ripieno mescolando tonno, capperi ed acciughe e metterlo nei peperoncini con un cucchiaino. Disporre i peperoncini con il foro verso l’alto in vasetti di vetro sterilizzati e riempirli fino all’orlo con olio extra vergine d’oliva. Chiudere ermeticamente e riporre in un luogo fresco e al buio. Aprire dopo 3 mesi.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cucina

Capodanno in Puglia, la notte del 31 dicembre cosa si mangia

Ecco i menu più buoni che si possono degustare durante il Capodanno in Puglia

Published

on

Capodanno in Puglia

Cosa si mangia per il Capodanno in Puglia? Le prelibatezze pugliesi che si possono degustare in un giorno così particolare sono davvero tantissime, e ve ne sono alcune che non possono assolutamente mancare in una regione dove il cibo è vita.  Ormai manca poco per abbuffarsi, così come è accaduto per il Natale, anche se non tutto può entrare nella pancia. Ma quali sono i menù più buoni? Tante nonne pugliesi sono all’opera per la notte di San Silvestro, e la considerano una grande occasione per mettere tutta la famiglia insieme, ma anche un bel momento per proporre le loro leccornie.

Leccornie da degustare per il Capodanno in Puglia

Di provincia in provincia il menù può essere variegato, ma vi sono delle cose che sono presenti in qualsiasi zona e quindi chi trascorre il Capodanno in Puglia potrà degustare. Prima di tutto, non possono mancare le lenticchie, presenti in tutti i menù di Capodanno, così come non mancheranno le cime di rapa stufate a cui vengono abbinate le frittelle. Immancabili sono anche gli antipasti a base di pesce e frutti di mare, ma anche il cotechino e lo zampone sono indiscussi protagonisti della cena della fine dell’anno. Fra i primi piatti si possono assaporare le orecchiette con le rape, gli spaghetti con sugo della salsiccia e le sagne ‘ncannullate.

Anche secondi e dolci squisiti

Fra i secondi piatti per il Capodanno in Puglia non possono mancare quelli a base di pesce, come il baccalà al sughetto e la salsiccia di cavallo oppure il maiale al sugo. Oltre ai tipici dolci pugliesi, come le cartellate, i mostaccioli, le frittelle dolci, le mandorle atterrate e tanti altri, un occhio di riguardo merita anche la frutta secca, a cui vengono affiancato cicorie, sedano e finocchi. A completare il tutto è lo spumante che dà il benvenuto al nuovo anno. Tutti si divertono e degustano le tante prelibatezze che adornano le tavole.

Continue Reading

Trending