Connect with us

Cultura

Nuovo Progetto Polo Territoriale della cultura e dell’arte a Bari

Published

on

Sta per partire il progetto per il Polo Territoriale delle Arti e della Cultura per la rivalutazione del quartiere fieristico a Bari. Dopo aver concluso l’accordo con la Fiera di Bologna infatti, la giunta della regione Puglia sta per completare il processo con il battesimo del Polo Territoriale delle Arti e Cultura. La sua funzione dovrebbe essere quella di potenziare la vocazione di attrattore culturale e turistico della fiera, in rete con gli altri attrattori del Territorio a livello urbano e regionale, dal Porto di Bari fino al Teatro Petruzzelli e al Kursaal Santa Lucia, passando attraverso l’Archivio di Stato, Santa Scolastica, il Castello Svevo, il Teatro Margherita, etc.

Michele Emiliano, presidente della regione Puglia, ha affermato che il progetto per il Polo delle Arti e della Cultura è qualcosa di più importante rispetto ad un singolo intervento infrastrutturale su alcuni padiglioni della Fiera del Levante. Il progetto prevede il recupero e restauro di tutti i padiglioni esclusi dalle attività fieristiche e congressuali, da destinare a spazi polifunzionali preferibilmente con destinazione culturale e di spettacolo dal vivo, così da integrarsi alle attività già presenti in Fiera. L’operazione prevede una riallocazione di tutti gli uffici regionali presenti.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cultura

Nuove modalità di accesso nei musei pugliesi

I bambini riceveranno in regalo un libro da colorare

Published

on

Musei pugliesi

Musei pugliesi, nuove modalità di accesso al Museo Archeologico Nazionale di Egnazia con la biglietteria automatica. Contemporaneamente all’ampliamento della capienza dei musei la direzione regionale musei Puglia ha scelto di adottare un nuovo sistema di accesso per destagionalizzare i flussi turistici, esaltare il turismo ed aiutare gli appassionati dell’arte e della cultura ad accedere con più facilità. Così dato che a partire dal 26 novembre ogni museo prevede il pagamento di un ticket che ha in realtà un ruolo simbolico, i bambini riceveranno un libricino da colorare che riprende le opere che si trovano nelle varie sale o appartenenti alle collezioni.

Nuove modalità di accesso con ticket o abbonamenti

Nuove modalità di accesso ai musei mediante ticket che potranno essere acquistati direttamente on-line sulla pagina musei Puglia beni culturali oppure presso la postazione automatica pagando tramite Bancomat o carte di credito. Gli appassionati d’arte in alternativa potranno attivare degli abbonamenti mediante l’acquisto della museo Card che richiede l’aggiunta di €1 al costo del biglietto d’accesso. Si tratta di una tessera che garantisce l’accesso al sito tutte le volte che si vuole per la durata di 6 mesi. Il tutto risulta essere non soltanto facile ma anche conveniente.

Ecco i musei ai quali i visitatori potranno accedere utilizzando la Card Musei Puglia

La Puglia musei card apre le porte di diversi musei, tra cui il Museo Nazionale archeologico, il Museo Nazionale Archeologico di Manfredonia, il Parco Archeologico di Siponto, il Museo Archeologico Nazionale di Canosa, l’Antiquarium ed il Parco Archeologico di Canne della Battaglia. Per gli amanti dei castelli il Castello Svevo di Trani, Castel del Monte, il Castello Svevo di Bari, il Castello di Gioia del Colle, il Museo Nazionale Archeologico di Altamura, il Museo Archeologico Nazionale, la Galleria Nazionale della Puglia “Devanna” di Bitonto, il Parco Archeologico di Monte Sannace, il Museo Archeologico Nazionale “Giuseppe Andreassi” ed infine il Parco Archeologico di Egnazia.

Continue Reading

Trending