Connect with us

Cultura

Restaurato il Piccinni, recuperato e svelato anche il sottotetto

Published

on

Restaurato il Piccinni, recuperato e svelato anche il sottotetto

Sarà utilizzato per mostre ed eventi il sottotetto del Piccinni, restaurato e svelato e finalmente fruibile dal pubblico. Il sottotetto è un vero gioiello ed è stato riqualificato secondo il progetto originario. Vi si può accedere anche in maniera indipendente dal teatro, una possibilità che dona ancora più valore a questa opera di riqualificazione. Il teatro quindi apre in grande stile e restituisce ai baresi uno spazio inaspettato, che però rappresenta molto per la comunità.

Il sottotetto recuperato e riqualificato

Il sottotetto è uno spazio presente in tutti i teatri storici e questo del Piccinni era rimasto finora inutilizzato. Il sindaco Decaro con grande soddisfazione ha commentato l’opera dicendo che potrà ospitare mostre e piccoli eventi nei suoi circa 400 metri quadri.

Per i cittadini sarà una grande sorpresa quando si terrà fra qualche giorno l’inaugurazione del Teatro e apprezzeranno i lavori di ammodernamento che sono stati fatti per rendere lo spazio fruibile.

Questo spazio versatile e anche affascinante sarà dunque sede di esposizioni e manifestazioni di ogni genere, come ha affermato anche l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso.

Sottotetto del Piccinni pronto per essere riaperto

Questo splendido rifugio del Teatro Piccinni realizzato in castagno trova continuità nel soffitto della sala consiliare. A permettere allo spazio di rivelarsi in tutta la sua bellezza è stata la grande opera di restauro fatta da abili maestri che hanno saputo in questi anni portarla a termine.

Il sottotetto è dunque pronto per essere riaperto ed essere messo a disposizione della città. Il lavoro per il recupero di tutti i contenitori culturali della città quindi ha ancora una volta raggiunto il suo obiettivo e l’intento è quello di far conoscere scrigni e tesori di una volta alle nuove generazioni di baresi che non sapevano neanche della loro esistenza.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cultura

Nuove modalità di accesso nei musei pugliesi

I bambini riceveranno in regalo un libro da colorare

Published

on

Musei pugliesi

Musei pugliesi, nuove modalità di accesso al Museo Archeologico Nazionale di Egnazia con la biglietteria automatica. Contemporaneamente all’ampliamento della capienza dei musei la direzione regionale musei Puglia ha scelto di adottare un nuovo sistema di accesso per destagionalizzare i flussi turistici, esaltare il turismo ed aiutare gli appassionati dell’arte e della cultura ad accedere con più facilità. Così dato che a partire dal 26 novembre ogni museo prevede il pagamento di un ticket che ha in realtà un ruolo simbolico, i bambini riceveranno un libricino da colorare che riprende le opere che si trovano nelle varie sale o appartenenti alle collezioni.

Nuove modalità di accesso con ticket o abbonamenti

Nuove modalità di accesso ai musei mediante ticket che potranno essere acquistati direttamente on-line sulla pagina musei Puglia beni culturali oppure presso la postazione automatica pagando tramite Bancomat o carte di credito. Gli appassionati d’arte in alternativa potranno attivare degli abbonamenti mediante l’acquisto della museo Card che richiede l’aggiunta di €1 al costo del biglietto d’accesso. Si tratta di una tessera che garantisce l’accesso al sito tutte le volte che si vuole per la durata di 6 mesi. Il tutto risulta essere non soltanto facile ma anche conveniente.

Ecco i musei ai quali i visitatori potranno accedere utilizzando la Card Musei Puglia

La Puglia musei card apre le porte di diversi musei, tra cui il Museo Nazionale archeologico, il Museo Nazionale Archeologico di Manfredonia, il Parco Archeologico di Siponto, il Museo Archeologico Nazionale di Canosa, l’Antiquarium ed il Parco Archeologico di Canne della Battaglia. Per gli amanti dei castelli il Castello Svevo di Trani, Castel del Monte, il Castello Svevo di Bari, il Castello di Gioia del Colle, il Museo Nazionale Archeologico di Altamura, il Museo Archeologico Nazionale, la Galleria Nazionale della Puglia “Devanna” di Bitonto, il Parco Archeologico di Monte Sannace, il Museo Archeologico Nazionale “Giuseppe Andreassi” ed infine il Parco Archeologico di Egnazia.

Continue Reading

Trending