A Barletta Casa Betania, luogo per l’accoglienza dei papà separati

0
8
papà separati

E’ stata inaugurata nei giorni scorsi a Barletta Casa Betania, una struttura della Caritas che si occuperà dell’accoglienza dei papà separati in difficoltà. Si tratta proprio di un luogo che avrà lo scopo di accogliere i papà separati che a causa della separazione vivono momenti molto difficili e spesso si ritrovano a vivere in mezzo alla strada.

Il nuovo centro intitolato “Casa Betania” dispone di otto posti letto che mette a disposizione dei padri separati e porge quindi una mano per aiutarli. Allestita di recente, la struttura è stata inaugurata dall’arcivescovo Monsignor Leonardo D’Ascenzo, durante una cerimonia a cui erano presenti il sindaco della città di Barletta, Don Raffaele Sarno, direttore della Caritas Diocesana e Lorenzo Chieppa, direttore della Caritas di Barletta.

A fronte di una percentuale molto alta di padri separati, la Caritas ha ritenuto opportuno provvedere alla realizzazione di questa struttura che vuole segnare un passo avanti verso questa che sembra una vera e propria piaga sociale.

Casa Betania per papà separati, una vera novità

I dati diffusi dalla Caritas sui papà separati sono allarmanti e annunciano un trend in crescita, con casi disperati che non trovano soluzioni o alternative. Spesso la perdita del lavoro e le condizioni economiche precarie sono realtà difficili da superare e vengono identificati come identificandosi come i nuovi poveri nel Paese, con un 46% su tutta la popolazione.

Molti di loro dormono in macchina perché non riescono a pagare un affitto e quindi la struttura in via Manfredi 45 a Barletta può rappresentare un’ancora di salvezza. Casa Betania si trova al secondo piano della palazzina polivalente della Caritas, conta otto posti letto da assegnare per 6 mesi, prorogabili sino a 12 in base ad un regolamento d’ammissione e con l’invio di un modulo di richiesta precedente. Al piano terra della palazzina si trova il materiale da compilare preventivamente e all’interno della struttura c’è anche un’area dedicata all’incontro con i figli.