Firmato un Protocollo d’Intesa per il turismo in Puglia

0
9
Protocollo d’Intesa

Nasce il campus per formazione di eccellenza per il turismo in Puglia. E’ stato infatti formato un Protocollo d’Intesa nei giorni scorsi in cui sono coinvolti l’Università degli Studi di Bari, il Gruppo San Domenico Hotels e il CIASU. Si tratta di un campus che si pone l’obiettivo di formare nuovi esperti nel settore turismo. Il progetto è qualcosa di innovativo ed è rivolto a giovani talenti che hanno voglia di dare il loro contributo per fare crescere un settore così importante per l’economia regionale.

Il Protocollo d’Intesa è stato costituito grazie ad una straordinaria collaborazione che si è venuta a creare tra settore pubblico e privato, tra il gruppo San Domenico Hotels della famiglia Melpignano e a cui hanno aderito anche Borgo Egnazia e il Centro Internazionale Alti Studi Universitari (CIASU) di Fasano. Per quest’ultimo si tratta nello specifico della Masseria Giardinelli, che svolge già attività didattiche e di ricerca e che accoglierà tutte le attività formative per preparare le nuove figure professionali specializzate che servono per poter rispondere adeguatamente alle richieste.

Protocollo d’Intesa per progetti di formazione professionale

Il Protocollo d’Intesa mira quindi a portare avanti un progetto che vuole creare un polo formativo di eccellenza con riconoscimento universitario e post-universitario, in modo da farlo diventare un punto di forza per la crescita dell’economia locale in ambito turistico e per la promozione del territorio. Per prima cosa il progetto mira alla creazione di un breve master dal prossimo 2019, a cui farà seguito la progettazione di un percorso universitario e post-universitario per lauree brevi, magistrali, master e corsi di alta specializzazione.

Questi dovrebbero favorire l’acquisizione di competenze qualificate non solo nell’ambito del Made in Italy ma nel settore turistico e alberghiero in generale. Nel frattempo si sta portando avanti la possibilità di far introdurre anche le Università estere migliori per collaborare e valorizzare lo scambio internazionale