La Madogas di Bari può fornire dispositivi per l’efficientamento energetico
Riconoscimento editoriale: Luiz HBS / Wikimedia.org

BARI – Nella città di Bari si cerca di migliorare l’efficienza energetica e di ridurre gli sprechi degli alloggi dell’edilizia residenziale pubblica (Erp) di Bari con il progetto W10, un’iniziativa sposata frutto del protocollo d’intesa, che è stato siglato fra il Comune di Bari e la Enerblade Srl, energy service company. Si tratta di un’azienda che realizza soluzioni tecnicamente avanzate per generare efficienza energetica attraverso la riduzione dei consumi.

«Questo progetto, frutto dell’iniziativa privata, ci auguriamo possa raggiungere un duplice scopo di interesse pubblico: ridurre i consumi energetici, grazie all’impiego di un piccolo congegno, e alleggerire le bollette dei cittadini – ha commentato Pierluigi Introna. La sperimentazione, la prima del genere in Italia, riguarderà 24 nuclei familiari residenti in due palazzine al civico 10 di via Roccaporena, e sarà monitorata dai tecnici della Enerblade per l’intera durata. L’installazione sarà a cura dell’azienda e non comporterà alcun disagio per gli inquilini, né alcun costo per l’amministrazione, che da tempo è impegnata in una politica di efficientamento energetico degli edifici di proprietà comunale sul territorio cittadino. I temi della tutela ambientale, della riduzione delle emissioni inquinanti e del contenimento dei consumi energetici devono vederci in prima linea per rispondere in maniera sostenibile alle sfide del nostro tempo».

«Abbiamo implementato un progetto ambizioso con lo scopo di raggiungere in un tempo ragionevole il maggior numero di famiglie per conseguire un risparmio sui consumi di energia elettrica, ottenendo benefici per se stessi e per l’ambiente – ha dichiarato di recente l’ing. Gianluca Mariani, vice presidente di Enerblade -. Non vogliamo limitarci a modificare semplicemente il mondo dell’energia, ma miriamo a cambiarlo radicalmente puntando su energie pulite, verdi e rinnovabili, scommettendo su quello che sarà il mercato del futuro e rispettando la natura e l’ambiente della nostra bellissima terra, senza la quale non esisteremmo».

Una notizia accolta con entusiasmo dalle istituzioni di Bari e da tutti i cittadini.