Un tra le bellezze naturali della Puglia è costituita dagli alberi secolari di ulivo. Il fenomeno della rotazione degli ulivi incuriosisce e negli ultimi anni è stato oggetto di studi approfonditi dai quali sono scaturite teorie ben precise. La torsione dal basso verso l’alto sempre nella stessa direzione, ovvero in senso orario, ha una spiegazione scientifica che non lascia dubbi: infatti, pare che questo albero segua nella sua forma ruotante la stessa rotazione terrestre. Ad influenzarne l’inclinazione è il patrimonio genetico, ma nel corso della sua crescita lenta risente anche dell’influenza della rotazione della terra. La dimostrazione concreta di questo fenomeno ci viene data da alcune ricerche effettuate sugli ulivi secolari presenti in Cile, stato situato nell’emisfero australe a sud del Tropico del Capricorno.

La rotazione di questi ulivi, presenti in questo posto da oltre 400 anni, procede in senso completamente opposto rispetto a quella che caratterizza gli ulivi pugliesi. Quindi, è scientificamente attestato che il patrimonio genetico e gli influssi ambientali influiscono in maniera notevole su questi preziosi alberi che sono l’immagine del paesaggio pugliese, dal Salento fino al Gargano, da cui si ricava quello che è definito per antonomasia oro giallo, ovvero l’olio extravergine d’oliva!