Giuseppe Bungaro

FRAGAGNANO –  Tra le giovani eccellenze pugliesi merita un posto d’onore Giuseppe Bungaro, 18enne che ha vinto il Contest for young scientists dell’Unione europea. Il giovane di Fragagnano ha ideato uno stent cardiaco salva-vite, che lo ha fatto rientrare tra le cento eccellenze italiane. La geniale intuizione del giovane consiste in un dispositivo che promette di rivoluzionare il mondo della cardiologia. Il giovane frequenta l’ultimo anno del liceo scientifico “Del Prete-Falcone” di Sava e grazie al suo stent coronarico salva-vita ha conquistato a pieni voti il diritto di entrare in sala operatoria.

La geniale intuizione di Giuseppe Bungaro

Giuseppe Bungaro è un giovane che coltiva tanti interessi sebbene abbia un’età giovanissima e la sua invenzione consente di ridurre le complicanze post operatorie di un intervento di angioplastica utilizzando alcuni materiali diversi. Il suo sogno è quello di diventare medico e ci sono tutte le premesse affinché possa realizzarsi. Già nel 2015 una sua vecchia ricerca è stata approvata dal coordinatore dell‘Unità operativa di emodinamica e cardiologia interventistica di Maria Cecilia hospital, Fausto Castriota e dal cardiochirurgo del Città di Lecce hospital Luigi Specchia. La sua passione per la medicina, inoltre, gli ha consentito di eseguire un ‘angioplastica insieme al dottor Castriota.

Giuseppe Bungaro ragazzo semplice

Il giovane 18enne ha raccontato la sua esperienza in una trasmissione radiofonica di un’emittente privata e ha detto che dal momento in cui ha eseguito quell’intervento l’ingresso in sala operatoria è diventata una routine. Giuseppe Bungaro è un giovane che ha anche avuto un problema all’aorta a soli 13 anni e forse questo ha fatto scattare la molla per spingerlo ad appassionarsi alla medicina. Le sue esperienza di vita lo hanno formato e gli hanno fatto acquisire quella consapevolezza che probabilmente lo porterà molto lontano. Ad oggi, comunque rimane un giovane di 18 anni che lavora per dare una mano alla famiglia e nel fine settimana fa il cameriere.