A Lecce parte il progetto Step-up che promuove la multimodalità dei trasporti

Parte a Lecce il progetto Step-up, che promuove una piattaforma informativa, che offre anche servizi sulle prenotazioni dei mezzi pubblici.

0
15
lecce progetto step-up

È stato finalmente ammesso a finanziamento, presso la città di Lecce, il progetto Step-up, a valere sul Programma “Interreg V-A Italia Croazia”. Si tratta di una iniziativa come ha come obiettivo quello di promuovere la multimodalità dei trasporti per i turisti, per i visitatori e anche per i residenti.

Il tutto avviene fornendo informazioni utili su come usufruire dei mezzi di trasporto cittadini (treno, traghetto, trasporto pubblico ecc), mediante un’apposita piattaforma, che oltre a dare informazioni riesce a integrare vari servizi, come quelli di prenotazione e di acquisto di biglietti.

Il Comune di Lecce, partner di progetto insieme alla Regione Emilia Romagna, all’Università di Trieste e ai partner croati Split-Dalmatia County, Municipality of Sibenik e Zadar Airport ltd guidati dalla Regione Marche in qualità di capofila, ha ottenuto un finanziamento pari a circa 100mila euro.

Il progetto ha una durata di 18 mesi e, secondo le stime, si rivelerà utile sia per i turisti, che per i nuovi residenti della città, che hanno la necessità di avere, all’interno di un’unica piattaforma, tutte le informazioni che necessitano, per spostarsi in città in totale autonomia. Sarà utile anche per facilitare la sensibilizzazione dei giovani ad usufruire dei mezzi pubblici, senza sovraffollare e inquinare inutilmente la città con macchine e motorini.

“Questo progetto – dichiara il vicesindaco e assessore all’Innovazione tecnologica, Alessandro Delli Noci – che si aggiunge ad Apuliamoving, piattaforma tecnologica della mobilità pugliese e che ci vede al lavoro insieme a due importanti Regioni, all’Università di Trieste e ai partner croati intende promuovere la mobilità multimodale dei passeggeri attraverso strumenti di innovazione tecnologica. Reperire risorse finanziarie attraverso bandi europei ci permette da una parte di sviluppare nuove idee e proposte innovative per la città, senza gravare sulle risorse comunali, dall’altra di recepire nuovi stimoli da partner nazionali e internazionali di rilievo favorendo anche la collaborazione tra diversi settori dell’Amministrazione comunale”.