Quali sono gli abiti tradizionali pugliesi
fonte web: inner wheel italia

PUGLIA – Gli abiti tradizionali pugliesi appartengono ormai al passato ma si possono ammirare dalle foto e dai dipinti delle epoche precedenti per capire quale era la moda. Tuttavia, capita che durante le sagre o determinate festività vengano riproposti gli abiti di un tempo per rendere il contesto più affascinante: guardando gli abiti sembra davvero di tornare indietro nel tempo. Ma cosa si usava? Uno tra i costumi più in voga del passato per le donne era composto da una gonna rossa sfarzosa sopra la quale veniva poggiato un grande grembiule.

Abiti tradizionali pugliesi oggi indossati per folclore

Questo costume appartiene agli abiti tradizionali pugliesi della festa e ancora oggi viene indossato a Castro durante la processione in onore di Santa Dorotea, la Santa che pagò con la decapitazione la sua conversione al cristianesimo. Ancora oggi questo rito religioso è impregnato di penitenza e di preghiera e il vedere tante donne indossare quel costume fa rivivere le antiche tradizioni. Un altro costume tradizionale femminile è quello della Pacchiana, ovvero della contadina, che consisteva nel vestito d’occasione che ancora si indossava fino agli ultimi anni dell’800, prima di cadere in disuso.

Abiti tradizionali pugliesi maschili e femminili

Il costume della contadina è stato poi ripreso dal secondo dopoguerra come costume tradizionale del periodo di carnevale oppure da indossare in occasioni particolari come la cerimonia di fidanzamento. Anche in questo caso la gonna era ampia e sopra si indossavano grembiuli bianchi, mentre sopra le spalle era d0’uso mettere lo scialle, anch’esso bianco e ornato di gioielli. Invece, il costume maschile del pastore era composto da giacca e pantaloni di velluto abbottonati sotto il ginocchio, fazzoletto sulle spalle e copricapo cilindrico di velluto nero ricamato con nappa.