Connect with us

Magazine

Coronavirus: un secondo caso sospetto in Puglia

Published

on

coronavirus

LECCE – Secondo caso sospetto di Coronavirus in Puglia. Il primo caso sospetto era stata una cantante lirica barese tornata da un tour.

Dopo i primi accertamenti, la donna non era risultata positiva al virus. Ora, il nuovo caso sospetto riguarda una cittadina cinese che abita in Salento.

La donna è ricoverata al Vito Fazzi di Lecce. Secondo il suo racconto, la donna non era stata in Cina. A Roma, però, era entrata in contatto con connazionali provenienti dallo Wuhan.

In più, a quanto si apprende, la donna avrebbe febbre alta e difficoltà di respirazione. Il direttore del Dipartimento Salute della Regione Puglia, Vito Montanaro, ha confermato che la donna si trovava in isolamento al Vito Fazzi.

In più, i medici hanno disposto gli accertamenti e gli esami diagnostici di rito. I medici leccesi hanno inviato i campioni all’Istituto nazionale per le Malattie infettive Spallanzani di Roma.

Infine, ora la donna è stata inviata al Policlinico di Bari, perché si tratta del centro regionale per la gestione del Coronavirus. Ora si attendono i risultati.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Viaggi

Nel porto di Brindisi si può ammirare il Monumento al Marinaio

Il Monumento al Marinaio è un omaggio ai caduti alto 54 metri

Published

on

Porto di Brindisi, il Monumento al Marinaio omaggio ai caduti

Alto 54 metri, il  Monumento al Marinaio è un omaggio ai caduti alto 54 metri che è stato realizzato nel 1993 per collocarlo nel porto di Brindisi. Il monumento è visibile da qualsiasi punto della città e dalla sua altezza si può godere una vista spettacolare su Brindisi. La statua si propone di celebrare tutti i marinai caduti durante la Prima Guerra Mondiale. Infatti, fra il 1915 e il 1918 sono stati 33.900 gli uomini che hanno perso la vita e il maestoso monumento a forma di timone è stato realizzato per commemorarli.

Monumento al Marinaio si chiama “Sta come torre”

Realizzata dall’architetto Luigi Brunati e dallo scultore Amerigo Bartoli, l’opera si chiama “Sta come torre” ma tutti lo conoscono come il Monumento al Marinaio d’Italia. Alla base la scultura presenta una cripta a forma di scafo rovesciato e un altare con la statua della Vergine Stella Male. Come omaggio ai caduti sono stati apposti i nomi dei circa 6mila Marinai della Regia Marina Mercantile caduti dall’Unità d’Italia fino a quando il monumento è stato inaugurato. Inoltre, sono citate tutte le Medaglie d’Oro ottenute durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale sui quattro marmi bianchi posizionati sulle ultime 4 colonne del corridoio. Infine, sul piazzale antistante il monumento sono state collocate due ancore di proprietà dell’incrociatore austro-ungarico. Ci sono anche due cannoni austro-ungarici risalenti ad alcuni sommergibili.

Cosa c’è all’interno del monumento

Dentro il Monumento al Marinaio ci sono delle sale storiche in cui si possono ammirare oggetti e reperti come un fregio donato dalla Presidenza della Repubblica e l’urna contenente la sabbia di El Alamein. Inoltre, lungo le pareti delle scale interne c’è un percorso fotografico che narra il periodo dalla costruzione fino a quando il monumento è stato inaugurato. Dal terrazzo del monumento si può godere di una vista suggestiva su Brindisi. Per i cittadini questo monumento è diventato un vero e proprio simbolo e sono molto legati a quello che rappresenta, nonostante sia di epoca recente.

Continue Reading

Trending