Connect with us

Magazine

Bari lotta a fianco delle madri adolescenti con Nest

Published

on

Bari-nest

BARI – Il progetto è gestito dall’Associazione di Promozione Sociale Mama Happy – Centro Servizi Famiglie Accoglienti. Esso ha come raggio d’azione le difficili realtà periferiche. L’obiettivo principale è offrire dei servizi per la fascia di età che va dai 0 ai 6 anni, sperimentando un modello di intervento integrato (hub educativo).

“Siamo molto soddisfatti – commenta l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano – perché questo progetto, che la città di Bari ha presentato con Milano, Napoli e Roma, ci consentirà di aprire un nuovo presidio dedicato interamente ai più piccoli, in un quartiere popoloso sul quale l’amministrazione sta investendo molto in termini di risorse economiche e progettuali, consapevoli che al Libertà vivono moltissime giovani famiglie con una percentuale altissima di bambini, circa il 10% dei residenti. Abbiamo scelto di candidare al bando alcuni spazi inutilizzati di una scuola del Libertà anche perché qui si registra una particolare concentrazione di nuclei di migranti e di donne in stato di gravidanza, cui saranno rivolte molte delle attività previste dal progetto. Avere al nostro fianco partner con l’esperienza e la professionalità che Save the children, Pianoterra, e Mama Happy hanno conquistato sul campo, ci fa credere fortemente nel valore di questa esperienza innovativa che contiamo di poter attivare entro l’anno nuovo”.

“Data la nostra esperienza sul territorio, in particolare sul quartiere Libertà come implementing partner dei progetti Spazio Mamme e Punto Luce di Save The Children – afferma Valentina Colonna, presidente dell’associazione partner Mama Happy – abbiamo pensato l’hub come un modello di comunità educante che accompagni i genitori in tutte le delicate fasi di crescita dei propri figli (in particolare in età prescolare) e stimoli i legami solidaristici e i percorsi di auto-mutuo aiuto tra famiglie al fine di implementare reti di famiglie reciprocamente supportive”.

“L’Hub Nest Bari è un posto sicuro, ospitale e caldo. A casa fa freddo e mi preoccupa l’inverno ma quest’anno so che potrò contare su un luogo che accoglierà me e i miei bambini e darà loro la possibilità di giocare e di divertirsi e per me di incontrare altre mamme”. Questa la dichiarazione di R., mamma di N. e R.

Traduttore e addetto marketing per le aziende, ama viaggiare, leggere e creare agglomerati di pensieri, costruzioni maestose e imponenti di lettere e parole, il cui collante è il solo potere della fantasia.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Curiosità

Tre sorelle pugliesi hanno dato vita a CanguroLab

CanguroLab è un portale gratuito dove si può trovare di tutto

Published

on

CanguroLab

Creato da tre sorelle pugliesi, CanguroLab è il sito delle mamme digitali dove si possono trovare vestiti, giochi, attrezzature, cure per i bimbi e tanto altro, e per averli a casa basta solo un clic. Ideale per le famiglie con bimbi da crescere, che hanno sempre più spesso bisogno di aiuto per trovare l’insegnante migliore, la babysitter più affidabile, il pediatra più esperto, ma anche eventi, corsi e molto altro. Oltre agli acquisti, quindi, ci sono anche tanti aiuti che in passato era possibile reperire dai vicini di casa. In pratica, si tratta di un mondo dedicato interamente ai bambini.

CanguroLab è un piccolo borgo online

Quello che distingue CanguroLab è il fatto di essere stato concepito come un piccolo borgo online, dove chiunque può trovare consigli e aiuti per assicurare il benessere ai propri bimbi. Il sito è stato fondato da tre sorelle originarie di San Marco la Catola, un comune foggiano, che hanno deciso di mettere insieme le loro competenze per dare vita ad un nuovo progetto per l’infanzia, ma in particolare per mamme e papà. Rossella Fascia, 47 anni,ha detto che vivendo in un paese di circa duemila abitanti partire per lavoro è inevitabile. Lei è un’insegnante montessoriana e ha lavorato a Londra come nanny full time, mentre Donatella, 45 anni, ha lavorato sempre negli studi notarili. Invece, Genny, che ha 42 anni, è avvocato internazionalista.

Le tre sorelle sono tornate in Italia e hanno aperto il sito

Il loro obiettivo, con la creazione di CanguroLab, è quello di ricreare sul web il concetto di comunità come aiuto per i genitori che devono crescere i figli e trovare tutto ciò di cui si ha bisogno con un clic. Professionisti, insegnanti, corsi, eventi, c’è tutto nel sito e le mamme sono attive in qualsiasi città d’Italia. Grazie agli scambi online le famiglie possono trovare i produttori più vicini, fare acquisti sostenibili e viene data maggiore visibilità a tutto ciò che è solidale. Tutto questo, si trasformerà in altri servizi entro la fine dell’anno.

Continue Reading

Trending