Giovinazzo, Bari, avvia una campagna per la prevenzione del cancro
Riconoscimento editoriale: Creative Commons Images, Nick Youngson

BARI – Il Comune di Giovinazzo, in provincia di Bari, assieme all’Assessorato alle Politiche Sociali, ha deciso di avviare una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione del cancro al colon. La campagna partirà con la consegna a domicilio di alcune lettere di sensibilizzazione, indirizzate a tutti i cittadini di età compresa tra i 50 e i 69 anni, che sono le età più a rischio cancro al colon.

«Siamo lieti di poter collaborare con il prof. Altomare, medico dotato di spiccata umanità e competenza – ha dichiarato il Sindaco Tommaso Depalma -. Riteniamo davvero felice la sua intuizione ovvero quella coinvolgere il nostro Comune per questa campagna di sensibilizzazione. Considero sia fondamentale catalizzare l’attenzione dei cittadini sui temi della prevenzione. E voglio ringraziare quanti si sono adoperati per la buona riuscita di questo progetto, medici di base, farmacie e laboratori di analisi».

«Con questa iniziativa proviamo a sperimentare uno schema di collaborazione che potrà tornare utile per altri temi delicati circa la cura della propria salute – è invece la dichiarazione dell’Assessore Michele Sollecito -. Ci auguriamo di poter avere un buon riscontro perché siamo certi che informare sia la prima fase della prevenzione» .

«Lo screening può rivelare polipi del colon o tumori in fase precoce che possono essere curati radicalmente salvando la vita dei pazienti – ha dichiarato il prof. Donato Altomare -. La Puglia è l’unica regione italiana a non promuovere lo screening di massa e questo è ormai inaccettabile, non ci si può più affidare al buon senso o alla buona volontà del singolo individuo. È la prima volta che una istituzione, in questo caso il Comune di Giovinazzo, sposa una causa del genere e non posso che rallegrarmene. La diagnosi precoce, nel caso dei polipi, dà una percentuale di guarigione del 100%. Nel caso dei tumori, invece, sempre in fase precoce, garantisce una sopravvivenza dell’80% circa».