A Bari il bando per contrastare la povertà con il 5 per mille
Riconoscimento editoriale: Lifo.gr

BARI – Ecco l’avviso del Comune di Bari nel dettaglio: “Il Comune Bari, ai sensi dell’art. 12 della L. 241/1990 e dell’art. 7 del DPCM del 30/3/2001, intende promuovere attività finalizzate al contrasto alle povertà sociali ed economiche, con particolare attenzione ad adulti e minori in stato di vulnerabilità (economico, sociale, culturale), o che vivono in contesti familiari particolarmente svantaggiati.

Tali attività, da attuare per il periodo Giugno / Novembre 2019, dovranno sviluppare e rafforzare l’alleanza, le competenze e la capacità di innovazione dei soggetti che si assumono le responsabilità della cura al fine di contrastare varie forme di disagio (isolamento sociale, povertà ecc..).

Il presente Avviso sollecita la presentazione di progetti in grado di promuovere e sviluppare competenze personali, relazionali, cognitive dei minori e adulti, capaci di incidere in modo significativo sia sui loro percorsi formativi che su quelli di inclusione sociale.
A tal riguardo sarà necessario indicare luoghi e spazi in fase preventiva nella scheda progetto.
L’attività progettuale potrà riguardare una sola area:

CANTIERI DEI PICCOLI – progetti sperimentali di sostegno ai bambini e agli adolescenti con disagio psicosociale ed economico (autismo, sindrome di down, iperattività ,disabilità, ecc);
CANTIERI DEI NONNI – progetti sperimentali di sostegno alla terza età in situazione di povertà e per il contrasto alle solitudini e all’isolamento (vacanze, palestre sociali, mobilità ecc);
I CANTIERI DI TUTTI E DI TUTTE – progetti sperimentali di inclusione socio culturale, sportiva e lavorativa diretta a gruppi sociali vulnerabili (donne, migranti, cittadini con disagio psichico, neo genitori ecc.).

Ciascun progetto dovrà indicare le azioni propedeutiche e trasversali (individuazione del target dei utenti da inserire, delle strutture socializzanti dove realizzare attività) e le azioni specifiche (attività laboratoriali e ricreative organizzate in maniera da facilitare l’accesso degli utenti).

Dalla data di avvio delle attività, dovrà essere prevista, la conferenza stampa di presentazione, da concordare con la POS Attuazione Politiche Sociali Minori e Famiglie.

L’avviso è rivolto ai seguenti soggetti, purchè operanti nel Comune di Bari:

– Organizzazioni di Volontariato, di cui alla Legge n.266/1991, iscritte nel Registro della Regione Puglia istituito con L.R. n.11/94 e ss.mm.ii;

– Enti di Promozione Sociale di cui alla legge 383/2000, iscritti nel relativo Registro Regionale, ovvero riconosciuti tali ex lege;

– Organizzazioni non lucrative di utilità sociale iscritte nell’Anagrafe delle Onlus ai sensi del D.lgs 460/1997;

– Enti ecclesiastici cattolici di cui alla L.222/85 e ss.mm.ii ovvero altri enti di confessioni religiose diverse dalla cattolica riconosciute dallo Stato italiano ai sensi dell’art 8 Cost.”