Connect with us

Magazine

Foggia: la Bottega Solidale impiega la nuova arte sociale

Published

on

Foggia

Presso Foggia, l’attenzione verso l’inclusione sociale diventa una prerogativa sempre più importante. A tal proposito, verrà inaugurata il 15 Giugno la “Bottega solidale” alle 19.30 in via Benedetto Biagi 31. Il programma della bottega prevede la mostra di 30 manufatti creati interamente da persone diversamente abili. La finalità dell’evento è il riconoscimento della bellezza in tutte le sue forme, che può essere prodotta anche tramite l’abbattimento delle barriere che caratterizzano la nostra cultura sociale. Tutto questo rientra nel progetto organizzato dalla collaborazione, presso Foggia, tra la “Fondazione terzo pilastro internazionale” e “Assori Onlus”.

“Questa bottega – dichiara Costanzo Mastrangelo – rientra nei progetti che promuovono l’inclusione sociale delle persone diversamente abili e, nello specifico, di giovani adulti che, avendo concluso gli studi, possono portare avanti il loro progetto di vita, con la ricerca di un lavoro.

La bottega solidale nasce proprio da questo: dai laboratori di formazione professionale dell’Assori dove i ragazzi, nell’atelier, imparano a produrre oggettistica, bomboniere e prodotti solidali. E’ quindi un passo ulteriore che viene fatto per sostenere i ragazzi diversamente abili nella scelta di un lavoro e di un futuro personale”. “Oltre a produrre manufatti – aggiunge Maria Elena Mastrangelo – , questa nuova iniziativa è importante per l’impatto sociale che avrà: alcuni dei prodotti che da anni vengono realizzati all’interno dell’Assori, ora verranno esposti e potranno essere anche “scelti” da un pubblico che potrà apprezzarli oppure no, indipendentemente da chi li abbia realizzati”.

“Tutto questo potrebbe produrre un cambiamento importante nella società, perché potrebbe modificare la rappresentazione sociale che le persone senza disabilità hanno nei confronti delle persone con disabilità

“Se ci si renderà conto che anche le persone diversamente abili sono in grado di produrre oggetti molto belli, allora cambierà anche il proprio concetto di disabilità. Non si penserà più che un disabile sia una persona che ha sempre bisogno di continua assistenza per vivere. Si incomincerà a pensare che anche il disabile sia utile alla società, perché posto nelle giuste condizioni, è in grado di produrre e di essere parte attiva della società stessa. Ci si renderà conto che la persona con disabilità può diventare cittadino attivo e dare così il proprio contributo, reale e concreto, alla società di riferimento. In questo senso la bottega avrà una duplice finalità: quella di insegnare a produrre e formare professionalmente i ragazzi, e quella di abbattere alcune barriere mentali che ancora esistono rispetto alle persone con disabilità”.

Traduttore e addetto marketing per le aziende, ama viaggiare, leggere e creare agglomerati di pensieri, costruzioni maestose e imponenti di lettere e parole, il cui collante è il solo potere della fantasia.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Curiosità

Tre sorelle pugliesi hanno dato vita a CanguroLab

CanguroLab è un portale gratuito dove si può trovare di tutto

Published

on

CanguroLab

Creato da tre sorelle pugliesi, CanguroLab è il sito delle mamme digitali dove si possono trovare vestiti, giochi, attrezzature, cure per i bimbi e tanto altro, e per averli a casa basta solo un clic. Ideale per le famiglie con bimbi da crescere, che hanno sempre più spesso bisogno di aiuto per trovare l’insegnante migliore, la babysitter più affidabile, il pediatra più esperto, ma anche eventi, corsi e molto altro. Oltre agli acquisti, quindi, ci sono anche tanti aiuti che in passato era possibile reperire dai vicini di casa. In pratica, si tratta di un mondo dedicato interamente ai bambini.

CanguroLab è un piccolo borgo online

Quello che distingue CanguroLab è il fatto di essere stato concepito come un piccolo borgo online, dove chiunque può trovare consigli e aiuti per assicurare il benessere ai propri bimbi. Il sito è stato fondato da tre sorelle originarie di San Marco la Catola, un comune foggiano, che hanno deciso di mettere insieme le loro competenze per dare vita ad un nuovo progetto per l’infanzia, ma in particolare per mamme e papà. Rossella Fascia, 47 anni,ha detto che vivendo in un paese di circa duemila abitanti partire per lavoro è inevitabile. Lei è un’insegnante montessoriana e ha lavorato a Londra come nanny full time, mentre Donatella, 45 anni, ha lavorato sempre negli studi notarili. Invece, Genny, che ha 42 anni, è avvocato internazionalista.

Le tre sorelle sono tornate in Italia e hanno aperto il sito

Il loro obiettivo, con la creazione di CanguroLab, è quello di ricreare sul web il concetto di comunità come aiuto per i genitori che devono crescere i figli e trovare tutto ciò di cui si ha bisogno con un clic. Professionisti, insegnanti, corsi, eventi, c’è tutto nel sito e le mamme sono attive in qualsiasi città d’Italia. Grazie agli scambi online le famiglie possono trovare i produttori più vicini, fare acquisti sostenibili e viene data maggiore visibilità a tutto ciò che è solidale. Tutto questo, si trasformerà in altri servizi entro la fine dell’anno.

Continue Reading

Trending