View of a park Riconoscimento editoriale: Wikipedia

TARANTO – L’amministrazione si sta impegnando a pieno ritmo, anche durante queste giornate di arsura estiva. La nuova iniziativa parte dal sindaco Rinaldo Melucci il quale, come recita una nota, ha ringraziato i tanti operatori della loro azione. Inoltre, il suo interesse si è espresso nel verificare di persona nelle scorse ore lo stato dell’arte del verde urbano in Viale Magna Grecia, Via Ancona, Via Cesare Battisti, Via Machiavelli, Via Galeso, Via Vizzarro, Via Martellotta, Via Cugini, Via Magnaghi, Via Alto Adige, Via Scoglio del Tonno, Viale Unicef e tutte le altre zone oggetto del programma della settimana appena iniziata.
Presto l’Amministrazione comunale, indurrà i privati a occuparsi delle aree verdi della città per continuare le normali attività di manutenzione. Nel settore della manutenzione del verde, infatti, è importante che vi sia un lavoro costante, che non si interrompa in nessun periodo dell’anno. All’incuria di un periodo seppur breve come quello dei mesi caldi, potrebbe portare a dei danni irreparabili da dover scontare per tutto il resto dell’anno.

“Sono felice di aver visto un grande fermento in tutta la città – ha dichiarato il primo cittadino al termine dei suoi sopralluoghi – fermento che si aggiunge agli ormai quotidiani e stringenti controlli della Polizia Locale nelle aree balneari. Taranto sta tornando ad essere una città attraente; questa pulizia del verde non si è mai vista con questa vastità e questa ricorrenza da un capo all’altro del territorio comunale. Gli amministratori devono sempre fare meglio, ma ai cittadini spetta ora il compito di prendersi cura dei luoghi che stiamo progressivamente restituendo al decoro e alla vivibilità. Stiamo investendo risorse importanti, realizzando sforzi organizzativi senza precedenti e la tolleranza verso sporcaccioni, vandali ed abusivi è finita. Per questo stiamo anche potenziando la nostra rete di videosorveglianza e a breve interverremo sul rafforzamento della pubblica illuminazione, con uno sguardo particolare alle periferie”.