A Lecce si apre la campagna elettorare di Carlo Salvemini
Carlo Salvemini durante un comizio. Riconoscimento editoriale: Paride De Carlo / It.Wikipedia.org

LECCE – Dopo le dimissioni del sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, arrivano numerosi interventi da parte delle istituzioni, come quelli di Delli Noci, Adriana Poli Bortone, Antonio Gabellone e Michele Giordano.

Ecco il commento del vicesindaco Alessandro Delli Noci: “Il vigore che abbiamo visto tra i banchi consiliare è stato eccessivo, non sta dando pace a questa città. Si è generata una guerra continua tra guelfi e ghibellini, quindi crediamo che forse il voto sia il modo migliore per ristabilire serenità e ridare la parola ai cittadini perché vinca finalmente la democrazia” . Nessuna volontà di tornare indietro sulla sua scelta di schieramento politico: “Non credo nello steccato tra destra e sinistra, ormai non ci crede più neanche la gente, quindi proseguirò con la mia lista civica. Sono convinto che bisogna guardare avanti e non indietro, anche perché dall’altra parte gli attori sono sempre gli stessi”.

“Staccare la spina era un dovere dal quale non potevamo esimerci, dopo 18 mesi di agonia dell’amministrazione Salvemini e di Lecce” – ha dichiarato Michele Giordano, capogruppo di Fratelli d’Italia – “Abbiamo raccolto le firme per fare uscire dal coma la città che noi amiamo. È stata una Giunta raccogliticcia, inciuciona e nata male e il suo epilogo non poteva essere che quello di una sfiducia. Una palese anatra zoppa si è trasformata in maggioranza per una errata interpretazione della Commissione elettorale. Abbiamo dovuto aspettare la giustizia amministrativa per ristabilire quello che avevano scelto i cittadini: lo dicevamo da mesi che il centrosinistra non aveva i numeri per governare, ma Salvemini negava pure l’evidenza.”

“E’ finita – ha dichiarato il coordinatore provinciale di Direzione Italia, Antonio Gabellone – E’ stato un anno e mezzo infarcito di contraddizioni e scelte sbagliate , deleterie per Lecce e i leccesi. Sappia ora il centrodestra far tesoro degli errori commessi intercettando i messaggi esplicitamente inviati dagli elettori nel 2017 per governare la città in maniera moderna ed efficiente. Esprimo a nome personale e del partito tutto un ringraziamento ai consiglieri comunali Guido,Tessitore e Tondo per il lavoro svolto in questi mesi”.

Il presidente di Io Sud, Adriana Poli Bortone, ha dichiarato: “Salvemini, dimettendosi, ha dimostrato di avere grande dignità. Sento di doverlo dire con onestà intellettuale ferma restando la indubbia distanza politica fra me, di destra, e lui, di sinistra. “