Taranto-Sava-fondi
Fonte Web: wikipedia

TARANTO – Il bando che il Comune di Sava ha vinto rientra nell’ambito dell’asse IV del POR Puglia 2014-2020 “ e nell’azione 4.1 “Interventi per l’efficientamento energetico degli edifici pubblici “

Le parole del Sindaco Iaia : “Continuiamo a lavorare prediligendo lo studio ed il dinamismo alle vuote polemiche e proprio grazie a questo atteggiamento mentale, oltre che politico, festeggiamo tutti insieme questo grandissimo risultato . Intendo ringraziare l’assessore Giuseppe Saracino, l’arch. Fischetti e tutta l’area dei lavori pubblici per l’eccellente lavoro svolto. Grazie al loro impegno e professionalità, nei prossimi mesi, potremo dare luogo ad importati opere di ristrutturazione che interesseranno le due scuole “Tommaso Fiore “ e scuola materna di “Corso Italia”, oltre alla caserma dei Carabinieri.

Sono felice “ continua il Sindaco Iaia ” perché il lavoro di squadra, alla fine, paga sempre. Nel momento in cui abbiamo deciso di partecipare al bando, tutti insieme ci siamo orientati verso la scelta del cofinanziamento comunale, magari sacrificando la spesa corrente, ma con una forte convinzione che la programmazione ci avrebbe portato risultati importanti e così è stato .

Euforico è anche l’assessore ai lavori pubblici Giuseppe Saracino: “ Sono felice perché l’impegno e l’abnegazione di questo primo anno e mezzo di lavori comincia a portare i suoi frutti . Gli interventi che andremo a realizzare sono particolarmente importanti e significativi per i nostri ragazzi, per i carabinieri e per gli utenti delle strutture. Per quanto concerne la “Tommaso Fiore”, è previsto  l’isolamento delle coperture,  la realizzazione di un cappotto termico, la  sostituzione degli infissi e l’installazione di lampade a led. Presso la scuola materna di Corso Italia, saranno eseguiti i seguenti interventi : coibentazione della copertura, sostituzione degli infissi e sistema di ombreggiamento, illuminazione a led, installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili (impianto solare termico) . In ultimo, per la caserma dei carabinieri verranno realizzati il cappotto termico e la coibentazione del solaio, la sostituzione degli infissi e delle componenti vetrate, la sostituzione delle caldaie esistenti ed infine verranno installate delle componenti “building automation” sugli impianti di ultima generazione. Come è facile intendere “ prosegue l’assessore Saracino “ si tratta di interventi fondamentali sia dal punto di vista energetico e del comfort per chi vive queste strutture, sia dal punto di vista estetico.”