Home MagazineTech Digitale terreste, in arrivo aggiornamenti per le nostre tv

Digitale terreste, in arrivo aggiornamenti per le nostre tv

by Giusy
Digitale terreste

TECNOLOGIA – Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato le date durante le quali avverranno le modifiche delle frequenze TV ed il passaggio al nuovo digitale terrestre, chiamato DVB-T2.

Digitale terrestre cambiano le frequenze

Quindi, per liberare banda TV da assegnare alla telefonia mobile, verranno “sottratte”, alla banda TV, le frequenze che passeranno quindi al 5g telefonia mobile. Di conseguenza dovrà essere utilizzato un nuovo standard chiamato DVB-T2.

In questo modo si potrà raddoppiare la capacità trasmissiva della singola frequenza quindi questo vuol dire che una frequenza TV anche di vecchia data, purchè non eccessivamente datata potrà essere performante.

Ecco le date dello spegnimento delle frequenze tv

Le date dello spegnimento delle frequenze TV per quanto riguarda la Lombardia, sono le seguenti.

Durante il primo step che andrà dal 1 settembre 2021 al 31 dicembre 2021, avverrà il passaggio a DVB-T MPEG4. Durante il secondo step che andrà dal 21 giugno 2022, avverrà invece il passaggio a DVB-T2.

Non tutte le tv saranno compatibili quindi per capire il proprio decoder dovrà essere sostituito bisognerà controllare se ad oggi è possibile visualizzare i canali HD.

Per il secondo step per esempio sarà fondamentale essere in possesso di tv o decoder acquistati dopo il 2017. Per coloro che dovranno acquistare da zero, ci sarà tempo di 10 giorni in tutta Italia. E’ consigliato acquistare tv nuove che permetteranno di godere del servizio in modo ottimale piuttosto che di scarsa qualità.

Ovviamente è stato messo in conto che soprattutto nei primi periodi i problemi non saranno pochi un pò per tutti. Intanto l’arrivo del nuovo digitale terrestre e del cambio del segnale, non potrà fare altro che apportare importanti modifiche nel campo della tecnologia. Con l’andare avanti nel tempo le richieste ed i bisogni dei cittadini aumentano e soddisfare le esigenze di tutti diventa sempre più difficile.

Related Articles