Connect with us

Turismo

Lockdown di Pasqua, azzerato il turismo nazionale, -3,5 miliardi in Puglia

Published

on

lockdown di pasqua

Il turismo nazionale è stato azzerato, e i pugliesi hanno dovuto rinunciare alle loro vacanze pasquali. Sono gli effetti del lockdown di Pasqua, che ha stroncato la speranza di fare gite fuori porta e di concedersi qualche giorno di relax. Da una analisi Coldiretti/Ixe’ emerge che la Puglia ha subito un buco di 3,5 miliardi di euro per l’assenza del turismo straniero. Con le nuove restrizioni sono sfumati anche gli appuntamenti di primavera, tanti attesi in vista di Pasqua e pasquetta. A denunciare la situazione disastrosa è il presidente della Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

La Puglia in ginocchio per mancanza di turisti stranieri

Coldiretti Puglia ha ribadito come la regione dipenda fortemente dall’estero per il flusso turistico e sono 1,5 milioni i viaggiatori stranieri che giungono nel territorio, e 3,8 milioni di pernottamenti internazionali l’estate scorsa estate hanno annullato le prenotazioni a causa delle restrizioni. Si spera nell’avvento del certificato vaccinale, sia in formato digitale che cartaceo, che sarà vincolante per gli Stati membri e convaliderà tutti i vaccini presenti sul mercato. Solo allora i cittadini europei potranno viaggiare sicuri e dare prova di aver fatto il vaccino, o comunque di non essere positivi al covid. Le conseguenze dell’assenza dei turisti stranieri si sono riversate su trasporti, alimentari, divertimenti, souvenir e shopping.

Il lockdown di Pasqua complica ulteriormente la situazione

Nel 2020 si sono registrati dati negativi nei consumi e adesso il lockdown di Pasqua peggiora ancora una volta le cose. Il presidente De Miccoli ha ribadito che gli indennizzi per calo di fatturato sono solo un placebo e ci sono molte difficoltà per accedere al credito. Insufficienti sono anche gli ammortizzatori sociali, sia per entità che per tempistica, e non danno alcun respiro alle famiglie che non hanno lavorato per mesi. Tuttavia, sono aumentati burocrazia e doveri a cui adempiere, tanto che molti sono più propensi a non aprire le loro attività. Coldiretti Puglia ha lanciato l’allarme per salvare il turismo estivo in Puglia.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Turismo

Vacanze brevi per gli italiani, Puglia in cima alla classifica

La Puglia è in testa alla classifica per le vacanze brevi che la maggior parte degli italiani trascorrerà in Italia

Published

on

Puglia vacanze brevi

Da un’indagine della Confcommercio è emerso che buona parte degli italiani quest’anno rimarrà in Italia e preferirà le vacanze brevi. In cima alla classifica delle destinazioni preferire c’è la Puglia, meta privilegiata per il suo mare stupendo. Nell’analisi è risultato che le persone che vanno in vacanza preferiscono non solo fermarsi per periodi più brevi, ma anche spendere meno. La percentuale di coloro chi ha già prenotato sale dal 31% di un mese fa al 41% di oggi, mentre la quota di coloro che non hanno prenotazioni da fare resta stabile al 15%. Questi sfruttano mezzi propri, pernottano in case di proprietà  oppure presso parenti o amici.

Privilegiato il mare anche per le vacanze brevi

Oltre un terzo degli intervistati ha risposto che,oltre a preferire le vacanze brevi, privilegia il mare alla montagna. Il 51% ha scelto il mare, mentre solo il 15% ha risposto di preferire la montagna. Invece, la percentuale di coloro che preferiscono andare nelle città, soprattutto in quelle d’arte, e nei piccoli borghi, è del 21%. La meta più ambita in Italia rimane la Puglia, mentre al secondo posto nella classifica c’è l’Emilia Romagna, e a seguire Toscana e Sicilia. Invece, la Sardegna passa in settima posizione, salendo di tre posti rispetto ad un mese fa in cui era quarta fa. Al quinto posto fra le mete preferite c’è la Liguria, mentre le mete estere più gettonate sono Grecia, Spagna, Francia e Croazia.

Grande successo per l’agriturismo

Oltre sette italiani su 10 andranno in agriturismo durante l’estate 2022 per trascorrere le vacanze o magari solo per una gita in giornata. L’indagine della Coldiretti mette in evidenza che l’agriturismo spesso viene scelto abbinato alla vacanza al mare o in montagna. Fra i motivi che spingono gli italiani a scegliere l’agriturismo c’è la voglia del contatto con la natura, l’enogastronomia e il desiderio di gustare ricette della tradizione. A dominare è sempre la scelta di spendere meno, viste le problematiche scatenate dal caro energia e dall’instabilità politica del paese, che pesano sulle partenze degli italiani.

Continue Reading

Trending