Connect with us

Turismo

Turismo: startup ridisegnano futuro del settore

Published

on

turismo

BARI Turismo in ginocchio? Anche no per le startup, che cercano soluzioni alternative anche per questo importante settore per la Puglia.

Infatti, l’associazione Startup Turismo ha messo in campo la forza di circa 120 imprese per poter vedere come risollevare diversi tipi di turismo in base alle esigenze dei singoli territori.

Così, ci sono 3 imprese che hanno creato delle app per gli albergatori. L’obiettivo è gestire i check-in online, senza bisogno che ci sia fisicamente una persona H24. L’app permette all’albergatore di dare gli accessi alla stanza al turista in arrivo senza essere in sede.

In più, per gestire la sanificazione, c’è un’app che permette di calendarizzare gli interventi delle aziende di settore e di ridurre così il minimo i costi sfruttando una pianificazione efficiente. Il turismo culturale non si ferma. Per questo, tra le idee c’è quella di creare un nuovo modo di pianificare l’esperienza dei turisti: più si sentiranno felici, più avranno voglia di tornare!

Altre app garantiscono un turismo personalizzato. Il turista è appassionato di vela? Ci sarà la soluzione per pianificare le gite in barca. Serve privacy? Ci sono app per trovare una villa comoda dove alloggiare. Tra le altre idee ci sono:

  • il busrapido per gestire i trasporti in navetta per il turismo Puglia;
  • informazioni sulle regole da seguire anti-contagio anche negli uffici pubblici;
  • i posti migliori per il turismo rurale e di prossimità;
  • la valorizzazione dei beni culturali con giochi ricchi di storie;
  • sistemi per trovare i migliori chef del territorio;
  • giftcard per chi ama scoprire la Natura;
  • titoli obbligazionari che trasformano la vacanza in un investimento.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Turismo

The Guardian premia Brindisi perla italiana del 2021

Il riconoscimento di Brindisi perla italiana dato dal The Guardian per le sue bellezze

Published

on

brindisi

Il famoso quotidiano britannico The Guardian ancora una volta dimostra la sua predilezione per la Puglia e incorona Brindisi perla italiana del 2021. Per il quotidiano la città pugliese è stata una vera scoperta ed è stata inserita nella classifica redatta come ogni anno insieme a Cefalù, altro splendido borgo della Sicilia. A descrivere le meraviglie di Brindisi è stata Liz Boulter, che ha sottolineato come la provincia pugliese riesca subito a conquistare tutti grazie al suo fascino di città portuale. Lo spettacolare lungomare, costellato di gelaterie, bar e ristoranti, è qualcosa di unico e indescrivibile. La Boulter ha proseguito con la descrizione dei tesori del centro storico.

Il titolo a Brindisi perla italiana del 2021

Liz Boulter ha ovviamente parlato nel suo articolo anche delle meraviglie classiche della città, come le Colonne Romane, situate nei pressi del porto e testimonianza preziosa del suo passato glorioso. Sul sito Si Viaggia si legge che il riconoscimento per Brindisi perla italiana del 2021 da parte del The Guardian è stato motivato dal fatto che in questa città convivono in armonia perfetta antico e moderno. Proprio le Colonne Romane, realizzate in marmo proconnesio nella seconda metà del II secolo d.C, e di cui ve ne è solo una integra, sono un esempio delle tracce antiche della città presenti e ben visibili.

Autentiche meraviglie a Brindisi

Molti studiosi sostengono che le colonne romane sono state fatte costruire dall’imperatore Traiano in onore della costruzione della via Appia, nello specifico nel tratto che portava da Benevento a Brindisi. Il sito afferma anche che a Brindisi ci sono tantissime attrazioni, come la Cattedrale, il Museo Archeologico, l’area archeologica di San Pietro degli Schiavoni, dove è possibile ammirare la Brindisi romana. Nel centro storico della città si possono visitare gioielli straordinari come il Tempietto di San Giovanni al Sepolcro, caratteristico con la sua pianta circolare, da dove sono passati crociati e pellegrini che andavano in Terra Santa.

Continue Reading

Trending