“Aiuole fiorite e giardini in città” è il progetto dell’assessore all’ambiente di Taranto

La giunta di Taranto ha accolto favorevolmente il progetto presentato dall'assessore all'ambiente della città, chiamato "Aiuole fiorite e giardini in città".

0
32
ambiente
Fonte web: Pixabay

Taranto è una delle città della Puglia che ha più bisogno di spazi verdi e di giardini sempre più ampi e curati. La pensa così anche l’amministrazione Melucci, che a tal proposito ha presentato un progetto ideato dall’assessore all’ambiente, Francesca Viggiano, chiamato “Aiuole fiorite e giardini in città”.

La giunta di Taranto ha accolto il progetto con grande entusiasmo, condividendone a pieno le finalità. “Questo passaggio in Giunta – spiega l’assessore – consente di avviare la fase successiva della pubblicazione dell’avviso esplorativo che avverrà a breve. Con esso ci rivolgeremo a tutti i cittadini singoli o associati ma anche a chi ha competenza nel settore dell’arredo verde urbano, e dunque, vivaisti, paesaggisti, agronomi, nonché agli sponsor con il chiaro intento di aprire la strada a un processo partecipato riguardo alla riqualificazione urbana e la costruzione di una immagine nuova e positiva, della città.”

“Il paesaggio urbano è un bene primario e su questo intendiamo agire, avvalendoci di idee innovative, progettualità condivise e il senso di appartenenza al territorio. Valuteremo ed accoglieremo successivamente i contributi in termini di beni, servizi, prestazioni professionali che potranno migliorare la quantità e qualità del verde urbano e, consequenzialmente, incidere sull’immagine e sul decoro. Ci piace immaginare una città diversa più verde e più fiorita e così la vogliamo realizzare. Pertanto,- continua la Viggiano- con il progetto “aiuole fiorite e giardini in città” l’arredo verde urbano può cambiare volto e per far questo si punterà a rivitalizzare le aiuole già esistenti e a crearne altre ex novo; a realizzare nelle vie più centrali giardini verticali coinvolgendo anche le attività commerciali per le loro vetrine e gli spazi di pertinenza; ad allestire fioriere nelle zone pedonali. I cittadini che vorranno, e pensiamo soprattutto ai giovani, poi, potranno essere adeguatamente formati sulla ideazione, creazione delle aiuole e dei giardini urbani.”