Connect with us

Viaggi

Bitonto, la basilica dei Santi Medici dedicata a Cosma e Damiano

Published

on

Bitonto, la basilica dei Santi Medici dedicata a Cosma e Damiano

Luogo di culto molto importante a Bitonto, la basilica dei Santi Medici dedicata a Cosma e Damiano è stata eletta da Papa Paolo VI a Basilica Pontificia Minore. Il secolo scorso, vista l’alta devozione degli abitanti della città pugliese verso il santo. venne costruita una basilica dedicata proprio a questi due santi. I lavori ebbero inizio il 5 maggio 1960 e vennero terminati nel 1973. Papa Paolo VI nel 1975 la elesse a Basilica Pontificia Minore. La chiesa ha pianta a croce latina e una navata sola lunga 60 metri. All’interno custodisce la reliquia delle braccia dei due santi, contenuta in un reliquiario colore d’oro situato ai piedi dell’altare maggiore.

All’interno della basilica dei Santi Medici si trova un grande mosaico

Nel centro dell’abside si trova una cattedra di granito rosso con struttura in cristallo sulla quale sono poggiate le statue dei Santi Medici. In una nicchia sull’altare si trovano invece le mani e le braccia di Cosma e Damiano. A sinistra della basilica dei Santi Medici, sulla parete, si trova un mosaico di dimensioni enormi che raffigura l’apparizione dell’Immacolata Concezione al generale Montemar. Suggestivo è l’organo a canne risalente al 1971, che è a trasmissione elettrica e ha 60 registri.

Ogni anno si celebra la processione a Bitonto

In occasione dei festeggiamenti dei santi Medici a Bitonto ogni anno si celebra la processione che si tiene il 26 settembre. Numerose sono le celebrazioni religiose che si tengono per questo evento così importante. La processione, chiamata dell’Intorciata, è molto suggestiva. Quando le statue escono dal santuario le persone fanno un grosso applauso e tanti stormi e palloncini vengono fatti volare in aria. Durante la processione i fedeli portano in mano dei grossi ceri e molti camminano scalzi.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Viaggi

Cosa scoprire durante un tour enogastronomico in Puglia

Nel corso di un tour enogastronomico in Puglia sapori e profumi da scoprire

Published

on

Tour enogastronomico in Puglia

Andare alla scoperta dei cibi e dei sapori pugliesi permette di scoprire davvero cose uniche. Durante un tour enogastronomico in Puglia impossibile non gustare i famosi taralli e le orecchiette, l’olio d’oliva, la burrata, ma ovviamente anche i tipici piatti a base di pesce. Questi cibo fanno compiere un vero e proprio viaggio nel gusto, ma oltre a questi vi sono tantissimi altri sapori da scoprire in Puglia, probabilmente non eccessivamente noti, ma deliziosi e molto gradevoli.  Ad esempio, nella stagione autunnale uno dei cibi più saporiti e gustosi da assaporare sono i funghi Cardoncelli accompagnati dal vino novello, seguiti poi da un dolce al gusto di mandorla.

Tour enogastronomico in Puglia per scoprire i cardoncelli

Durante un tour enogastronomico in Puglia, seguendo magari un itinerario che passa attraverso i tanti Borghi più Belli d’Italia, insigniti con il riconoscimento di Bandiere Arancioni, è possibile andare alla scoperta dei famosi carboncelli, e gustarli nella loro integrità. Freschi e genuini, hanno un sapore unico, e insieme a questo cibo si possono assaporare tante ricette del passato, che rievocano tradizioni millenarie. La più alta concentrazione di carboncelli si trova nelle Murge, terra aspra, e li si può riconoscere per il colore scuro, inconfondibile, e che stacca da quelli velenosi. La sua polpa soda e carnosa, saporita e gustosa,lo rende un alimento molto apprezzato in cucina.

Come gustare i cardoncelli

I carboncelli si possono gustare arrostiti, crudi, fritti, gratinati, trifolati, combinati con la pasta, con la carne, con il pesce e con i legumi. Questo sfizioso alimento esalta i piatti e lo fa in maniera raffinata, con classe ed eleganza. In autunno si festeggia ogni anno la tradizionale Sagra on the road, e quest’anno si terrà nei comuni di Spinazzola, Ruvo di Puglia e Gravina in Puglia, dove verranno proposti svariati prodotti tipici, in un  clima di festa, con musica e spettacoli. Imperdibili sono le escursioni che si svolgeranno nel parco dell’Alta Murgia.

Continue Reading

Trending