Bitonto

Bitonto è una città conosciuta come capitale dell’olio vantando il marchio DOP Terra di Bari, ma anche come città ricca di bellezza dal carattere romantico e medievale. La città nasce sul bordo di una gravina e vanta monumenti importanti dei quali parla tutto il mondo, come la Cattedrale che è una delle chiese romantiche pugliesi più belle.

Negli ultimi anni attraverso scavi archeologici sono stati ritrovati parecchi oggetti appartenenti alle popolazioni precedenti per esempio le monete sulle quali è incisa la scritta Butontinon. Per accedere al borgo medievale trovandosi in piazza Cavour (al fondo è collocato palazzo Sylos Calò) è necessario attraversare una porta chiamata Baresana e al fianco di essa c’è un torrione circolare di costruzione angioina. Per quanto riguarda il palazzo appartiene allo stile tardo rinascimentale e al suo interno si trova la sede della pinacoteca Devanna, Galleria Nazionale della Puglia dove vengono perennemente esposti numerosi dipinti divisi in cinque sezioni cronologiche, molti di quei quadri hanno la firma di grandi pittori italiani ed anche europei sia contemporanei che di tempi andati, per esempio Tiziano, Veronese, Giaquinto e De Nittis.

Bitonto chiese, palazzi e pinacoteche

Dopo il palazzo Sylos Calò di Bitonto, vi è il Museo Civico Eustachio Rogadeo, dove vengono esposto dei reperti archeologici appartenenti a diversi periodi, sono oggetti preistorici, greci e romani. Un pò più avanti c’è la chiesa del Purgatorio con il portale ornato di scheletri umani; questa è la chiesa più importante per la Pasqua perchè è da qui che parte la processione che inizia il pomeriggio e finisce nella tarda notte in occasione del venerdì santo. A destra dopo il museo c’è la grande Cattedrale costruita utilizzando pietre scure e la cui architettura ricorda ampiamente la cattedrale di S.Nicola di Bari. L’interno della chiesa è molto particolare, a croce latina, forme tipiche del romanico, tre navate con colonne e pilasti.

A sinistra vi è un bellissimo cortile su cui si affaccia il palazzo vescovile dove si trova la pinacoteca “Aurelio Morena”, con sculture in legno, dipinti ed affreschi che appartengono alle chiese cittadine. Nel centro storico invece è possibile ammirare stradine strette che conducono alla chiesa di S. Francesco d’Assisi, di stile e architettura gotica che risale al 1286. Dopo la villa comunale si trova l’abbazia di S. Leo costruita dai monaci Benedettini nel IX secolo.