Connect with us

Magazine

Grotta del Soffio, uno spettacolo del Salento

Published

on

Grotta del Soffio

Meraviglioso e assolutamente affascinante, il Salento riserva spettacoli fantastici come la Grotta del Soffio di Santa Maria di Leuca, territorio turistico per eccellenza. Questa grotta si trova accanto a quella dell’Ortocupo e ad altre cavità che rendono speciale il litorale di Santa Maria di Leuca. Frequentatissimo d’estate per i suoi innumerevoli luoghi incontaminati, sono tanti i posti del Salento dove il mare assume colorazioni di grande fascino, come appunto in questa grotta davvero singolare.

La Grotta del Soffio è visitabile solo mediante un’immersione, con una serie di possibili visite subacquee e compare non appena superata la Grotta dell’Orto Cupo: per addentrarvisi occorre attraversare appunto un breve tratto in immersione, inoltrandosi in un sifone sommerso. Il nome deriva dalla pressione atmosferica moderata che produce degli spruzzi e provoca una sorta di movimento dell’aria, una sorta di soffio. Dentro la grotta si verifica un particolare fenomeno detto Effetto Morgana: si tratta di una illusione ottica che distorce le immagini per la diffrazione della luce che penetra nelle cavità passando tra strati di acqua dolce e salata.

Come visitare la grotta del soffio

La Grotta del Soffio può essere raggiunta in barca e per visitarla bisogna giungere all’imboccatura dalla quale è possibile assaporare uno spettacolo incredibile. L’imboccatura è sommersa dalle onde del mare e quando la risacca defluisce si vedono degli sbuffi di spuma che con i raggi del sole creano qualcosa di magico. All’improvviso si forma si forma una sorta di nuvola che appare davvero unica agli occhi dello spettatore.

La Grotta del Soffio si trova nelle vicinanze di Santa Maria di Leuca, il limite riconosciuto dai romani tra l’Adriatico e lo Ionio che determina l’estrema punta d’Italia: in questo luogo tutto appare come se fosse appena sussurrato e la caratteristica della zona, ricca di reperti del Neolitico e di bellezze naturali come il corallo bianco, rende tutto ancora più incantevole..

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cucina

La ricetta Sole di Puglia fra le preferite di Marco Bovio

Si chiama Sole di Puglia la ricetta che Bovio ha creato

Published

on

Sole di Puglia presentata la ricetta da Bovio

Creata da Narco Bovio, la ricetta Sole di Puglia è stata preparata durante lo shoowcooking e le dimostrazioni organizzate in occasione della 21° edizione di Cibus che si è svolta nel mese di maggio, una edizione di enorme successo per il Salone che ha visto la partecipazione di tantissime aziende. Durante l’evento ci sono stati dibattiti su filiere, territori, Made in Italy agroalimentare che hanno intrattenuto i tantissimi visitatori. Fra i tanti ci sono stati anche protagonisti del mondo della pizza e i visitatori hanno potuto assistere alle spiegazioni dei professionisti e degustato nuove ricette.

Bovio ha proposto la sua ricetta Sole di Puglia

Fra i pizzachef c’era anche Marco Bovio che ha proposto la sua ricetta denominata Sole Di Puglia. Ecco quali ingredienti occorrono:

  • Sfarinato: Rustica
  • Formato: Tonda 31
  • 60 gr Mozzarella Fiordilatte
  • 150 gr Coppa di suino
  • 90 gr Cipolle sponsali
  • 250 ml Primitivo di Manduria
  • 30 gr Caciocavallo Podolico
  • 69 gr Panna
  • 15 gr Pomodori secchi
  • Sale qb
  • Pepe qb
  • Olio extravergine d’oliva Azienda Coppini Arte Olearia

Procedimento per preparare la ricetta

Far bollire il vino per scaricare l’alcool e lasciarlo raffreddare. Far marinare la coppa di suino a sottovuoto con vino, sale e pepe per 16 ore a 68°. Tagliare la cipolla a julienne e appassirla con sale e pepe in olio extravergine di oliva. Disporre la mozzarella fiordilatte, mettere la base in forno con un filo d’olio extravergine d’oliva Coppini Arte Olearia e nel frattempo far riscaldare la panna in una casseruola aggiungendo il caciocavallo grattugiato fino a trasformarsi in fonduta.

Ottenere dai ciuffi verdi della cipolla delle striscette lunghe circa 4 o 5 cm da passare nella semola e friggere in padella. Tolta la base dal forno, affettare le cipolle,metterle sopra e disporre le fette di capocollo affettato. Far cadere la fonduta a pioggia con un cucchiaio e spolverare con pomodoro secco, mettere le striscette di cipolla su ogni spicchio e aggiungere un filo d’olio evo.

Continue Reading

Trending