Connect with us

Viaggi

Puglia, Locorotondo è un gioiello della Murgia

Incastonato nella Murgia, Locorotondo è uno splendido borgo situato nelle vicinanze di Alberobello

Published

on

Luoghi romantici per trascorrere San Valentino in Puglia

Locorotondo è un magnifico borgo situato a pochi chilometri da Alberobello, un vero e proprio gioiello incastonato nella Murgia. Pieno di cummerse, ovvero abitazioni con tetti spioventi che lo rendono caratteristico, realizzate con la pietra regalata dal sottosuolo stesso, la chiancarella, il borgo è fra i più belli d’Italia, amato dai turisti che adorano girare tra i vicoletti del centro storico e ammirare i vivaci e colorati balconi fioriti. Di recente il borgo merita di essere visitato per ammirare l’installazione artistica intitolata ‘Firmamento’, caratterizzata da balle di fieno ricoperte di centrini fatti a mano, opera del designer Bernardo Palazzo. L’installazione è un omaggio a due delle più antiche tradizioni della zona.

Il meraviglioso borgo di Locorotondo

Locorotondo, termine il cui significato etimologico in latino vuol dire “luogo rotondo”, è un luogo risalente all’anno 1000, che si staglia in forma concentrica. Guardando il borgo dal basso della strada sembra che voglia quasi abbracciare e coronare la collina su cui appare arroccato con le casette a punta. Il borgo ha tante attrazioni da visitare, a cominciare dalla Villa Comunale Giuseppe Garibaldi, che regala un panorama mozzafiato sulla valle d’Itria. Dalla villa si accede al centro storico camminando dentro la cinta muraria. I vicoli curati e arricchiti da decorazioni floreali dagli abitanti rimandano una visione delicata e armoniosa di questa location.

Cosa vedere nel centro storico

Nel centro storico imperdibile è una tappa alla Chiesa di San Rocco, patrono del paese, da vedere costeggiando il barocco Palazzo Morelli. Continuare la passeggiata fino a raggiungere il Lungomare, il lato che costeggia la collina sulla Valle, chiamato così dagli abitanti perché affianca i vigneti. Una tappa a Locorotondo prima del tramonto permette di assistere al magnifico spettacolo del sole che cala dalla cima della collina tra trulli e vigneti. Il borgo dista circa 9 km da Alberobello e circa 6 km da Martina Franca, quindi è facilmente raggiungibile da entrambe le città.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Viaggi

Nel porto di Brindisi si può ammirare il Monumento al Marinaio

Il Monumento al Marinaio è un omaggio ai caduti alto 54 metri

Published

on

Porto di Brindisi, il Monumento al Marinaio omaggio ai caduti

Alto 54 metri, il  Monumento al Marinaio è un omaggio ai caduti alto 54 metri che è stato realizzato nel 1993 per collocarlo nel porto di Brindisi. Il monumento è visibile da qualsiasi punto della città e dalla sua altezza si può godere una vista spettacolare su Brindisi. La statua si propone di celebrare tutti i marinai caduti durante la Prima Guerra Mondiale. Infatti, fra il 1915 e il 1918 sono stati 33.900 gli uomini che hanno perso la vita e il maestoso monumento a forma di timone è stato realizzato per commemorarli.

Monumento al Marinaio si chiama “Sta come torre”

Realizzata dall’architetto Luigi Brunati e dallo scultore Amerigo Bartoli, l’opera si chiama “Sta come torre” ma tutti lo conoscono come il Monumento al Marinaio d’Italia. Alla base la scultura presenta una cripta a forma di scafo rovesciato e un altare con la statua della Vergine Stella Male. Come omaggio ai caduti sono stati apposti i nomi dei circa 6mila Marinai della Regia Marina Mercantile caduti dall’Unità d’Italia fino a quando il monumento è stato inaugurato. Inoltre, sono citate tutte le Medaglie d’Oro ottenute durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale sui quattro marmi bianchi posizionati sulle ultime 4 colonne del corridoio. Infine, sul piazzale antistante il monumento sono state collocate due ancore di proprietà dell’incrociatore austro-ungarico. Ci sono anche due cannoni austro-ungarici risalenti ad alcuni sommergibili.

Cosa c’è all’interno del monumento

Dentro il Monumento al Marinaio ci sono delle sale storiche in cui si possono ammirare oggetti e reperti come un fregio donato dalla Presidenza della Repubblica e l’urna contenente la sabbia di El Alamein. Inoltre, lungo le pareti delle scale interne c’è un percorso fotografico che narra il periodo dalla costruzione fino a quando il monumento è stato inaugurato. Dal terrazzo del monumento si può godere di una vista suggestiva su Brindisi. Per i cittadini questo monumento è diventato un vero e proprio simbolo e sono molto legati a quello che rappresenta, nonostante sia di epoca recente.

Continue Reading

Trending