Connect with us

Viaggi

Puglia, le meravigliose mete di Trani, Polignano a Mare e Alberobello

Published

on

Trani

Nella famosa regione della Puglia sono presenti delle mete molto importanti e molto famose per le loro attrattive turistiche: si tratta di Trani, Polignano a Mare e Alberobello.  Queste tre località sembrerebbero essere quelle favorite dai turisti negli ultimi anni. Per capire qual è il motivo che spinge queste città ad attirare numerosi turisti, si deve cercare nei paesaggi meravigliosi presenti in questa città, nonché anche nei resti storici di elevata importanza culturale.

Trani, Polignano a Mare e Alberobello

Prima di capire cosa offrono le località Trani, Polignano a Mare e Alberobello, che si trovano in Puglia, si deve sottolineare dove sono situate esattamente. La prima è il capoluogo di Barletta-Andria-Trani, la seconda e la terza si trovano vicino Bari.

La prima delle città elencate risulta essere famosa per i reperti storici risalenti al Quattrocento e al Cinquecento e per essere stata simbolo del famoso regno di Svevia. Di fatti, molto famoso risulta essere anche il “Castello Svevo”, che è stata la dimora del re Federico II di Svevia.  I turisti che visiteranno Trani, non potranno non vedere la Cattedrale di Santa Maria Assunta. Quest’ultima risulta essere di grande importanza artistica perché viene considerata l’esempio più simbolico dell’arte romanica pugliese.

Polignano a Mare invece risulta essere famosa prima di tutto per i suoi panorami, e soprattutto per la spiaggia Lama Monachile, che è una tra le spiagge più ammirate dai turisti. Importante anche dal punto di vista artistico, l’Abbazia di San Vito, che risale al X secolo.

Alberobello invece risulta essere importante per i cosiddetti “trulli”, cioè costruzioni in pietra tipicamente pugliesi.  Questi, possono essere divisi in due aree principali, che risultano essere Rione Aia Piccola e Rione Monti. Nel primo è presente un trullo molto famoso e impareggiabile, chiamato “Trullo Sovrano”.

Polignano a Mare

Polignano a Mare

Puglia: altri dettagli su queste tre famose località

Le tre città di Trani, Polignano a Mare e Alberobello non offrono solo le attrazioni elencate precedentemente, bensì ne presentano anche numerose altre. Per quanto riguarda Trani ad esempio, si può citare il suo importante porto. Questo infatti ha una notevole importanza storica in quanto da lì partivano i cristiani per andare a combattere nelle crociate, tanto che lo spazio portuale prese il nome di “Porto della cristianità”.

Importante anche la “Villa Comunale” di Trani.

Polignano a Mare invece deve essere segnalata anche perché viene visitata da numerosi turisti anche per la cosiddetta “Porta Grande”, chiamata anche “Arco Marchesale”.

Di Alberobello invece va segnalata anche la cosiddetta “valle d’Itria” che offre dei paesaggi meravigliosi. Questa località viene considerata quasi “fiabesca” proprio a causa dei numerosi trulli che vi sono, che sembrano tipiche case presenti nelle favole.

In generale, si può affermare che Trani, Polignano a Mare, Alberobello risultano essere delle mete turistiche molto famose in Puglia, data la ricchezza dei loro paesaggi, ma anche quella dei loro reperti archeologici e culturali.

Alberobello

Alberobello

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Viaggi

Nel porto di Brindisi si può ammirare il Monumento al Marinaio

Il Monumento al Marinaio è un omaggio ai caduti alto 54 metri

Published

on

Porto di Brindisi, il Monumento al Marinaio omaggio ai caduti

Alto 54 metri, il  Monumento al Marinaio è un omaggio ai caduti alto 54 metri che è stato realizzato nel 1993 per collocarlo nel porto di Brindisi. Il monumento è visibile da qualsiasi punto della città e dalla sua altezza si può godere una vista spettacolare su Brindisi. La statua si propone di celebrare tutti i marinai caduti durante la Prima Guerra Mondiale. Infatti, fra il 1915 e il 1918 sono stati 33.900 gli uomini che hanno perso la vita e il maestoso monumento a forma di timone è stato realizzato per commemorarli.

Monumento al Marinaio si chiama “Sta come torre”

Realizzata dall’architetto Luigi Brunati e dallo scultore Amerigo Bartoli, l’opera si chiama “Sta come torre” ma tutti lo conoscono come il Monumento al Marinaio d’Italia. Alla base la scultura presenta una cripta a forma di scafo rovesciato e un altare con la statua della Vergine Stella Male. Come omaggio ai caduti sono stati apposti i nomi dei circa 6mila Marinai della Regia Marina Mercantile caduti dall’Unità d’Italia fino a quando il monumento è stato inaugurato. Inoltre, sono citate tutte le Medaglie d’Oro ottenute durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale sui quattro marmi bianchi posizionati sulle ultime 4 colonne del corridoio. Infine, sul piazzale antistante il monumento sono state collocate due ancore di proprietà dell’incrociatore austro-ungarico. Ci sono anche due cannoni austro-ungarici risalenti ad alcuni sommergibili.

Cosa c’è all’interno del monumento

Dentro il Monumento al Marinaio ci sono delle sale storiche in cui si possono ammirare oggetti e reperti come un fregio donato dalla Presidenza della Repubblica e l’urna contenente la sabbia di El Alamein. Inoltre, lungo le pareti delle scale interne c’è un percorso fotografico che narra il periodo dalla costruzione fino a quando il monumento è stato inaugurato. Dal terrazzo del monumento si può godere di una vista suggestiva su Brindisi. Per i cittadini questo monumento è diventato un vero e proprio simbolo e sono molto legati a quello che rappresenta, nonostante sia di epoca recente.

Continue Reading

Trending