Connect with us

Notizie

Aghi e siringhe nelle spiagge in Puglia

Paura in Puglia per aghi e siringhe nelle spiagge

Published

on

Aghi e siringhe nelle spiagge in Puglia

Domenica di paura nel Salento a causa di aghi e siringhe nelle spiagge. Ore di ansia per due persone che sono state vittime del terribile incidente. Purtroppo la Puglia non è l’unica regione che riscontra questo problema, si è verificato anche in altre spiagge d’Italia, Sardegna compresa.

Aghi e siringhe nelle spiagge in Puglia

Una domenica al mare come tante, sembrava essere così se non fosse stato per aghi e siringhe nelle spiagge. A farne le spese è stato prima un ragazzo: si è punto il piede con l’ago di una siringa che si trovava sulla spiaggia di Torre Chianca, marina di Lecce. Il giovane leccese ha dovuto effettuare diversi accertamenti per scongiurare la possibilità di aver contratto malattie, soprattutto l’Hiv. Il fatto è avvenuto  nella zona della spiaggia libera, nei pressi dello stabilimento balneare “Maluha Bay Beach”, frequentato purtroppo da molti bambini. Successivamente è toccato ad una signora 50enne, stavolta nella spiaggia di Torre Specchia Ruggeri. La donna si è subito rivolta alla guardia medica di San Foca, dove erano già stati registrati casi di bagnanti che si erano punti con siringhe nascoste nella sabbia. Si registra anche la puntura di una bambina di 7 anni a causa di una siringa da insulina, la minore è stata costretta a raggiungere l’ospedale più vicino, insieme ai genitori. Due diversi punti delle spiagge salentine e tre malcapitati bagnanti, stesso problema: le siringhe abbandonate in spiaggia.

Aghi e siringhe nelle spiagge: cosa fare?

Aghi e siringhe nelle spiagge: cosa si fa in questi casi? In primis occorrerebbe una pulizia delle spiagge da parte dei comuni, sempre più spesso le siringhe vengono trovate nelle zone libere e non in quelle gestite dai privati che tengono pulite le aree. Se malauguratamente vi pungete con un ago o una siringa nella sabbia, per prima cosa andate in pronto soccorso.  Raccogliere, non usando direttamente le mani, l’ago o la siringa e portarli con se perché vengano analizzati. In base allo stato in cui versa l’ago, la siringa o l’oggetto appuntito, seguono due procedure diverse: se l’oggetto è evidentemente usurato dal tempo c’è meno preoccupazione riguardo il rischio di contrarre virus gravi (Epatite B, C, Hiv); se l’oggetto appare “fresco” occorrono invece molte più analisi tempestive. Non fatevi prendere subito dal panico: in molti casi non c’è sangue né nell’ago né nella siringa, il rischio di contrarre malattie è del 0,1%.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Finanziamento per la discarica di San Severo, in arrivo 12 milioni di euro dalla Regione Puglia

La regione Puglia ha stanziato un finanziamento per la discarica di San Severo, ben 12 milioni di euro

Published

on

discarica di San Severo

Il capogruppo di Iniziativa Democratica per la Puglia – San Severo, Francesco Sderlenga, ha commentato con grande apprezzamento il finanziamento per la discarica di San Severo di ben 12 milioni di euro erogato dalla Regione Puglia per mettere l’ex discarica comunale in sicurezza. Il partito e l’intera Amministrazione Comunale ha lavorato con impegno per ottenere questo risultato, e finalmente è stato raggiunto l’obiettivo, e l’operazione è andata a buon fine. Sderlenga ha sottolineato che si tratta di un altro obiettivo molto importante per la città. Con questo finanziamento verrà bonificata l’ex discarica comunale che si trova in contrada ‘Pezza Imperiale’.

Erogato il finanziamento per la discarica di San Severo

Il capogruppo ha sottolineato che bisogna impegnarsi per raggiungere gli obiettivi, a differenza di chi non ha nemmeno provato a farlo. Grazie ad un meticoloso piano di fattibilità, che la Regione Puglia ha accolto con favore, è stato erogato il primo il finanziamento per la discarica di San Severo di 12 milioni di Euro. Si attendono adesso gli ulteriori 7 milioni per portare a termine gli altri dettagli del progetto per mettere in sicurezza l’ex discarica comunale. Questo tipo di interventi riguardano la salvaguardia del territorio e delle campagne, per questo sono importanti e vanno portati a termine.

Grande soddisfazione anche da parte del sindaco

Anche il sindaco Francesco Miglio ha mostrato grande soddisfazione per il raggiungimento di questo importante obiettivo a cui si lavorava da tempo. Il Comune di San Severo aveva candidato a finanziamento un progetto di 19 milioni di euro per le attività di bonifica del sito. La regione Puglia ha inviato al sindaco la comunicazione ufficiale del finanziamento per la discarica di San Severo di 12 milioni di Euro erogato per il sito. Il sindaco ha sottolineato che sicuramente presto verranno erogati gli altri 7 milioni di euro a completamento del progetto. La soddisfazione per un traguardo così importante è tanta e il sindaco ha ringraziato la Regione Puglia per aver valutato positivamente il progetto di fattibilità.

Continue Reading

Trending