Connect with us

Notizie

Carnevale a Putignano, presentati i bozzetti per il 2020

Published

on

Carnevale di Putignano

PUTIGNANO – Sono stati presentati ufficialmente i progetti per il Carnevale a Putignano del 2020, quelli esclusi verranno trasformate in scenografie per dare il benvenuto in città. Quello del prossimo anno sarà l’edizione numero 626 del Carnevale putignanese e già sono stati scelti i progetti da realizzare. I bozzetti presentati sono basati sul tema «La terra vista dal Carnevale». I titoli dei carri scelti sono i seguenti: Madre terra ultimo paradiso terrestre, L’Apocalisse, Kaosecoista, Casca la Terra, tutti giù per terra, L’ultimo giro di giostra, Di doman non v‘è certezza, Codice Rosso.

Sono stati selezionati i progetti per il Carnevale a Putignano del 2020

I progetti per il Carnevale a Putignano del 2020 sono stati valutati lo scorso 7 ottobre dai componenti della Fondazione per Carnevale, ovvero Mary Adone, Alessio Casulli e Damiano Andresini. La commissione tecnica è stata presieduta dal direttore artistico Vincenzo Recchia con altri esperti. Durante l’incontro sono intervenuti diversi personaggi, fra cui la sindaca Luciana Laera, e anche Sandro D’Aprile, assessore ai Lavori pubblici. Insieme premono per non perdere i finanziamenti e accelerare la costruzione dei nuovi capannoni nella nascente Cittadella del Carnevale. Il presidente della Fondazione di Carnevale Maurizio Verdolino ha colto l’occasione per ringraziare il pubblico a tutti i maestri cartapestai.

Con i progetti esclusi verranno realizzate quattro scenografie

I progetti esclusi dalla selezione sono stati quelli di Franco Giotta, Marino Guarnieri, l’associazione «Farinella» e Lello Nardelli. Ma non saranno totalmente eliminati, in quanto verranno realizzate quattro scenografie che verranno collocate nei vari ingressi della città per dare il benvenuto ai visitatori. A leggere i giudizi della commissione è stato Vincenzo Recchia, direttore artistico della prossima edizione del Carnevale. Il presidente ha effettuato la lettura mentre scorrevano le varie diapositive.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement

Notizie

A Vico del Gargano San Valentino è patrono degli agrumi

San Valentino patrono degli agrumi, a Vico del Gargano un simbolo che sta tra amore e leggenda

Published

on

Vico del Gargano San Valentino è patrono degli agrumi

In uno dei luoghi più caratteristici della Puglia, a Vico del Gargano, San Valentino non è solo il patrono degli innamorati ma è anche patrono degli agrumi. Nel comune pugliese, tutelato appunto da San Valentino, la tradizione vuole che il Santo sia molto venerato a partire dal 1618, quando furono portate in città le reliquie del Patrono. I Vichesi prima di questa data avevano come patrono San Norberto, che festeggiavano nel mese di giugno. Ma poiché la festa si svolgeva in piena estate, gli abitanti del luogo non erano contenti, e volevano pregare per proteggere dai venti e dalle grandinate le coltivazioni.

San Valentino venerato a Vico del Gargano

All’epoca, dunque, diversi cittadini andarono a Roma per cercare un Santo Patrono in grado di soddisfare le richieste. Secondo la leggenda, il capo di questa spedizione andò a sbattere la testa contro il braccio che sporgeva  dall’oculo di San Valentino. L’incidente venne interpretato come un segno divino e i cittadini furono convinti che fosse lui il nuovo protettore della città. La festa del 14 febbraio a distanza di 400 anni la è ancora molto sentita dagli abitanti di Vico e sono tanti i turisti innamorati che scelgono la città pugliese per trascorrere una giornata romantica passeggiando fra i suggestivi vicoli.

Terrarancia celebra il paese dell’amore

Patrono non solo degli innamorati, ma anche degli agrumi, San Valentino festeggia quindi anche la terra ricca di agrumeti famosi nel mondo. Ogni anno proprio per questo si celebra l’evento “Terrarancia” che narra le meraviglie del paese dell’amore. A Vico nel giorno della festa uno dei luoghi più visitati è il suggestivo “Vicolo del bacio”, una via larga soli 50cm, che le coppie percorrono stretti stretti, rimanendo per forza attaccati l’uno con l’altro. Un’altra tradizione è bere il succo delle arance  per coronare il proprio sogno d’amore, che pare faccia da filtro per tutti gli innamorati che non vengono ricambiati.

Continue Reading

Trending