Connect with us

Notizie

Cristina Angelillo imprenditrice barese alla guida di InnovUp

Il mandato andrà avanti per 3 ani dal 2022 al 2024

Published

on

Chiara Angelillo
Chiara Angelillo

Cristina Angelillo sarà alla guida di Innovup, l’associazione che rappresenta tutto l’ecosistema italiano dell’Innovazione per il triennio che va dal 2022 al 2024. E’ un’imprenditrice nata in Puglia, a Bari giunta al quarto mandato dell’associazione che ha avuto inizio nel corso della primavera del 2012. L’associazione oggi conta 300 soci che negli ultimi due anni hanno visto un aumento di 100 unità nonostante l’emergenza sanitaria ancora oggi in atto.

Cristina Angelillo, alcune informazioni sulla sua carriera nel mondo della tecnologia e delle app

Cristina Angelillo imprenditrice digitale laureata in ingegneria delle telecomunicazioni ha mosso i suoi primi passi come ingegnere elettronico presso un’azienda produttrice di dispositivi per trasmissioni televisive e radiofoniche- Li ha lavorato per circa 5 anni. Poi nel 2014 ha dato il via ad una nuova esperienza intraprendendo l’insegnamento e seguendo così la sua passione. E’ stata lei a fondare una startup digitale chiamata Marshmallow Games, oggi tra le più conosciute. Si occupa in prima persona, insieme al suo team di creare app educative pensate per migliaia di bambini di tutto il mondo.

L’obiettivo di Cristina Angelillo alla guida di un’associazione importante

Cristina Angelillo oggi collabora con alcuni dei più grandi marchi del settore media & Entertainment, è amministratore delegato e si occupa delle raccolte fondi. In questi giorni ha dichiarato di essere felice e soddisfatta di poter avere un’occasione importante come essere alla guida di Innovup perchè certa di poter dare il massimo. La Angelillo ha promesso che farà il possibile nel prossimo triennio per rafforzare l’associazione e garantire la migliore rappresentanza nel mondo. La sua nomina arriva tra l’altro in un anno particolare durante il quale un po’ grazie alle emergenze sanitarie le startup e sono riuscite ad emergere in Italia sfondando la soglia del miliardo di euro in vari investimenti. Questa è la dimostrazione evidente che l’ecosistema dell’innovazione italiano si sta consolidando sempre di più. Ciò significa che anche le responsabilità dell’associazione diventano più grandi con lo scopo di supportare il comparto e ridurre il GAP esistente con altri paesi dell’Unione Europea.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Bolletta da oltre 19mila euro, la riceve un imprenditore agricolo pugliese

Un imprenditore agricolo originario di Monopoli ha ricevuto una assurda bolletta da oltre 19mila euro

Published

on

imprenditore agricolo puglia bolletta 19mila euro

Il caso dell’imprenditore agricolo pugliese a cui è stata inviata una bolletta da oltre 19mila euro ha destato scalpore e curiosità. Per l’imprenditore ortofrutticolo, che è originario di Monopoli, è stata una vera mazzata, e quando ha letto l’importo stava per sentirsi male. L’imprenditore in questione si chiama Cosimo Leggiero, e quando ha letto la bolletta della luce, da pagare entro il 3 febbraio 2022, è rimasto sbalordito. L’uomo ha detto che la bolletta si riferisce ai consumi di dicembre 2021, e nonostante siano diminuiti i kwh consumati, l’importo è aumentato. Di conseguenza, è evidente che l’aumento dei costi dell’energia è più pesante di quanto si pensi.

Inaudita la bolletta da oltre 19mila euro

Per l’imprenditore pugliese la bolletta da oltre 19mila euro è stata una vera e propria stangata. Leggiero ha detto che negli ultimi anni la sovrapproduzione, il margine scarso e la concorrenza sleale hanno messo l’agricoltura italiana in grave difficoltà. A questo bisogna anche aggiungere l’aumento del carburante, dei fertilizzanti, degli agrofarmaci, degli imballaggi e dei trasporti. L’aumento dell’energia elettrica è stato una batosta che ha fatto degenerare la situazione. I prodotti con cui lavorano gli agricoltori sono facilmente deperibili e l’andamento climatico influenza la produzione, abbassando spesso i prezzi sottocosto.

I costi in aumento aggravano la situazione

Leggiero ha aggiunto anche che dopo gli aumenti che hanno fatto crescere inevitabilmente i prezzi su tutto l’indotto, la stangata dovuta al costo dell’energia elettrica è un altro colpo duro da digerire. Se il governo non interviene con misure adeguate, l’agricoltura subirà conseguenze dannose e anche l’azienda di Leggiero probabilmente non resisterà molto. L’imprenditore ha detto che la sua azienda è a conduzione familiare, e nonostante sia ben nota, non supporta i costi energetici così elevati e non può reggere per molto tempo. L’imprenditore ha ribadito che spera in un intervento corposo per dare un aiuto alle imprese, altrimenti molta gente rimarrà in mezzo alla strada.

Continue Reading

Trending