Connect with us

Notizie

Fondi per le scuole pugliesi dal Pnrr

Stanziati dal Pnrr fondi per le scuole pugliesi pari a 130 milioni

Published

on

fondi per le scuole pugliesi

Sono pari a 130 milioni i fondi per le scuole pugliesi stanziati dal Ministero dell’Istruzione nell’ambito del Pnrr. I fondi rientrano nel ‘Piano Scuola 4.0’ e mirano a rendere più innovative le aule per l’apprendimento e più funzionali per formare le professioni digitali del futuro. Dei fondi in arrivo per la regione Puglia, oltre 97 milioni di euro riguardano il progetto “Next generation classrooms”, che permette di dotare almeno la metà delle classi delle scuole del primo e del secondo ciclo di arredi facili da posizionare, di strumenti digitali versatili e con rete wireless o cablata.

Rientrano nel Pnrr i fondi per le scuole pugliesi

A costituire un gruppo di progettazione sarà il dirigente scolastico, che dovrà collaborare con l’animatore digitale e con il team per l’innovazione. Nel gruppo dovranno essere coinvolti progettisti, docenti e studenti, che dovranno disegnare gli ambienti fisici e virtuali per l’apprendimento, per la progettazione didattica fondata su metodi innovativi e per utilizzare al meglio gli spazi didattici modificati. I fondi per le scuole pugliesi riguardanti il “Next generation labs” si aggirano intorno ai 33 milioni di euro. L’intervento è rivolto alle scuole secondarie di secondo grado che in questo modo potranno essere dotate di laboratori in cui tutti, sia studenti che studentesse, potranno migliorare le loro competenze sul digitale.

Una scuola all’avanguardia grazie al digitale

Chiunque potrà specializzarsi in vari ambiti tecnologici piuttosto avanzati, nella robotica, nell’intelligenza artificiale, nella comunicazione digitale, nella cyber sicurezza e tanto altro. Per ciascuna scuola sono previsti anche strumenti per affiancamento, come il gruppo di supporto al Pnrr formato al ministero dell’Istruzione e negli Uffici scolastici regionali. In una nota il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha detto che l’intervento mette al centro tutti coloro che studiano e che così possono usare la tecnologia come eccezionale alleata dell’apprendimento e come risorsa per l’innovazione. L’investimento sul digitale garantisce a studenti e famiglie una scuola al passo con i tempi.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Casalvecchio di Puglia, imbrattato il murale di Skanderbeg

Il murale di Skanderbeg è stato imbrattato, un gesto gravissimo di vandalismo

Published

on

Murale di Skanderbeg

A Casalvecchio di Puglia è stato compiuto un vero e proprio atto di vandalismo. Alcuni ignoti hanno imbrattato il murale di Skanderbeg con della vernice bianca. Il grande murales dedicato all’eroe albanese Giorgio Castriota Skanderberg era stato dipinto sul muro di cinta del cimitero e a fine luglio era stato inaugurato con una cerimonia pubblica. Il sindaco della cittadina pugliese, Noè Andreano, ha commentato il gesto dicendo che si tratta di un fatto molto grave. Il primo cittadino ha confessato di essere molto amareggiato per quanto accaduto e non ha nascosto la sua rabbia. Deluso dall’episodio, ha auspicato che cose del genere non accadono più.

Il murale di Skanderbeg imbrattato con vernice bianca

La vernice bianca con la quale degli ignoti hanno imbrattato il murale di Skanderbeg è stata tolta in giornata grazie all’intervento degli artisti Alaniz e Margot, che hanno provveduto a riparare quanto danneggiato. Le parole del sindaco sono state molto forti e sulla sua pagina facebook ha scritto che si tratta di una ferita sanguinante. Per Andreano il gesto compiuto è stato un vero attentato, una minaccia, una sorta di ribellione a quanto si sta facendo per mettere in atto quella che viene chiamata la rivoluzione culturale che ha intrapreso da tempo il paese. Secondo il sindaco, probabilmente qualcuno non è in grado di elevarsi e compie questi gesti assurdi.

Il paese per Andreano merita un sogno

Sconfitto da quanto successo al murale di Skanderbeg, il sindaco di Castelvecchio di Puglia ha sottolineato che non bisogna arrendersi e che il paese merita di avere un sogno per i tanti che credono nella bellezza dell’arte, e che questa possa veramente salvare il mondo. La riparazione del danno per fortuna è stata rapida e il sindaco ha incaricato due artisti a risolvere il problema e ridare dignità al prezioso murales. Il sindaco confida sulla collaborazione di tutti affinché episodi del genere non si ripetano più.

Continue Reading

Trending