Connect with us

Notizie

E’ morto Grace, il primo cane bagnino di Bari

Il primo cane bagnino di Bari è morto, è stato il primo ad essere addestrato nella scuola di salvataggio nautico

Published

on

morto Grace, il primo cane bagnino di Bari

E’ passato a miglior vita il primo cane bagnino di Bari, Grace. L’animale, uno splendido esemplare femmina di terranova, è stato il primo ad essere addestrato nella scuola di salvataggio nautico che ha salvato bagnanti in pericolo per tre volte. Fabrizio Stea lo ricorda come un animale fantastico, e ha detto al cane che è stato lui a farlo innamorare di questo mondo. Grace era il cane bagnino di una eleganza unica, era determinato e forte, ed è stato per tutti fonte di insegnamento, cani e umani. Adesso sarà solo nei ricordi di chi lo ha conosciuto, ma soprattutto di chi è ancora vivo grazie a lui.

Il primo cane bagnino di Bari ricordato dai colleghi umani

I colleghi umani hanno voluto omaggiare Grace con la denominazione di “bagnino a quattro zampe” della scuola cani salvataggio nautico di Bari. Il primo cane bagnino di Bari è stato fra i componenti più attivi del nucleo di pattugliamento del lido barese. L’associazione ha ricordato l’animale, che aveva 12 anni e 6 mesi, che è stato per otto anni nella scuola e ha effettuato tre salvataggi, con grande affetto. Uno dei salvataggi è stato addirittura doppio, ed è quello del 7 luglio 2013, che allora ha premiato Michele Emiliano, all’epoca sindaco di Bari.

Grace la musa dei bagnini a quattro zampe

Musa dei bagnini a quattro zampe, Grace è stato d’ispirazione a cani come Dafne, Sasha, Pan, Tosca e Marley. I messaggi per ricordare “Image of beauty”, appellativo con cui veniva indicata Grace, sono stati tantissimi. Ognuno ha scritto una frase per ricordare il primo cane bagnino di Bari, e ha espresso l’affetto e l’amore per l’animale. Molti hanno scritto che il cane è stato un amico, una guida preziosa, e che con lui tanti ricordi se ne vanno. Federica Cezza ha anche aggiunto che “Angeli pelosi” assieme ai loro addestratori sono pronti ad intervenire nel caso ve ne fosse bisogno.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Da giugno sarà attivo il volo Bari Belgrado

Il volo Bari Belgrado verrà attivato a giugno da Air Serbia

Published

on

Airlines volo diretto Bari - Copenaghen

Sarà attivato a giugno 2022 da Air Serbia il volo Bari Belgrado, che metterà in collegamento la Puglia con la Serbia. La tratta verrà operata con tre frequenze settimanali, che cadranno lunedì, giovedì e domenica, con un aeromobile ATR 72 da 72 posti. Claudio Stefanazzi, capo di gabinetto della Regione Puglia, si è mostrato molto soddisfatto per questa nuova tratta. Stefanazzi ha detto che il tavolo tecnico istituito presso la presidenza della Regione Puglia, una volta accertato l’interesse per aprire un collegamento fra la Puglia e l’area balcanica, si è attivato subito per gettare le basi di un volo che rappresentasse un ponte tra l’arte e la cultura di due territori amici e vicini da sempre.

Il volo Bari Belgrado ponte tra arte e cultura

Il vice presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile, ha detto che il rafforzamento del network internazionale risponde alla strategia tracciata in collaborazione con Air Serbia, che ha sottolineato sempre la necessità vi fossero nuovi target tali da rispondere allo sviluppo turistico ed a quello economico. Il volo Bari Belgrado per le imprese pugliesi che hanno interessi in quella area europea è strategico, ed è la conclusione di un lavoro avviato con passione e portato a termine con caparbietà durante il periodo complesso della pandemia.

Rinforzata l’amicizia fra Puglia e Serbia

Il giornalista Franco Giuliano,  presidente onorario  della Fondazione “L’isola che non c’è”, ha sottolineato che il volo Bari Belgrado collega la Puglia con un territorio che il mare Adriatico unisce e non divide. Questo ponte, tradito dalla guerra, avrebbe potuto avere verso la guerra un ruolo diplomatico probabilmente importante. Il riavvicinamento grazie a questa tratta simboleggia una promessa verso uno sviluppo reciproco dei rapporti, ma anche un pegno verso la storia che ha portato dai Balcani popoli dai quali è nata la città di Bari.  Questo collegamento è anche un altro passo per avvicinare la regione di più a Sarajevo, città-simbolo per un passato recente che non deve ripetersi.

Continue Reading

Trending