Connect with us

Notizie

Musei a pagamento in Puglia

Anche ad Altamura ci saranno i musei a pagamento

Published

on

musei a pagamento

Da venerdì 26 novembre verrà introdotto in Puglia l’obbligo dei musei a pagamento. Rientrano nella categoria degli istituti a cui si accederà con biglietto pagante anche castelli e parchi archeologici che fanno parte della competenza della Direzione regionale musei. La norma verrà applicata su tutti i siti, anche quelli che da oltre dieci anni sono gratuiti. Fra questi c’è ad esempio il come il museo archeologico nazionale di Altamura. Il Direttore Regionale Musei della Puglia Luca Mercuri ha sottolineato che si tratta di un biglietto di dignità sociale, una sorta di partecipazione da parte del pubblico per salvaguardare le meraviglie pugliesi.

Musei a pagamento, biglietto di dignità sociale

Il Direttore Regionale Musei della Puglia Luca Mercuri ha anche aggiunto che i visitatori devono intendere il pagamento del biglietto d’ingresso come un investimento simbolico. La convinzione è che introducendo il biglietto il fruitore diventa più responsabile del bene che va a visitare, e viene educato a salvaguardarlo. I musei a pagamento saranno quindi uno stimolo per i cittadini che saranno spinti alla conservazione, manutenzione, valorizzazione dei musei e delle aree archeologiche. Il direttore ha ribadito che in costi dei musei vengono sostenuti in parte grazie agli incassi dei biglietti di ingresso.

Parte una campagna informativa

Per educare i cittadini la Direzione ha avviato una campagna per promuovere il territorio e valorizzare luoghi e mete che hanno un potenziale attrattivo elevato. Per questo ha anche predisposto del materiale progettato apposta per promuovere i luoghi. Alle biglietterie verrà infatti consegnato ai bambini un libricino gratuito con le opere conservate nelle sale o riguardanti collezioni permanenti dei luoghi della cultura, che potranno colorare. Verranno dati anche dei pastelli in regalo, oltre che dei pieghevoli con informazioni sui luoghi, orari e modalità di ingresso, che risulteranno utili ai visitatori. Oltre che poter acquistare i biglietti online sul link https://musei.puglia.beniculturali.it/home/biglietti/), si potranno acquistare presso una postazione automatica dal 26 novembre, oppure si potrà fare l’abbonamento e acquistare la Museo Card.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Bari, la spiaggia Pane e pomodoro meta di sporcaccioni

Rifiuti e degrado presso la spiaggia Pane e pomodoro di Bari

Published

on

spiaggia pane e pomodoro bari
Riconoscimento editoriale: limipix

Anche se siamo in periodo invernale, sono in tanti a recarsi alla spiaggia Pane e pomodoro di Bari, dove si vedono persone fare jogging, oppure una passeggiata, ma dove c’è anche tanto degrado. Infatti, sono in tanti a lasciare i rifiuti sulla spiaggia, scambiandola probabilmente per un luogo dove fare di tutto, anche quello che si fa in un bagno pubblico. Quando si entra dall’ingresso principale, è impossibile non notare i rifiuti e la sporcizia che c’è sotto i cespugli. Nonostante siano presenti i contenitori sulla spiaggia per la plastica, per rendere le persone responsabili e far capire loro che ci sono i luoghi dove gettarla, i rifiuti sparpagliati nell’area verde vicina alla strada sono di altro genere.

Degrado e incuria alla spiaggia Pane e pomodoro di Bari

Nell’area verde della spiaggia Pane e pomodoro di Bari ci sono infatti una lunga serie di fazzolettini, feci umane,mascherine e cartacce di ogni tipo. Ovviamente ci sono anche cannucce, bottiglie di vetro, come al confezioni di plastica e polistirolo. Il presidente di Amiu, Sabino Persichella, ha detto che presto verrà effettuato un intervento nell’area, ma è inaudito che le persone abbiano un atteggiamento del genere. Pesichella ha aggiunto anche che sicuramente la stessa situazione si ricreerà il giorno dopo aver pulito l’area. Con il Covid il fenomeno è peggiorato notevolmente e sono stati notati comportamenti di assoluta indifferenza.

Anche altro oltre ai rifiuti

Persichella ha fatto appello ai cittadini di avere un comportamento migliore, per garantire alla spiaggia Pane e pomodoro di Bari di tornare ad essere pulita, in vista della prossima estate, quando verrà frequentata regolarmente. Ma verso l’area del park & ride, nello spazio fuori dal bar, oltre ai rifiuti sono state trovate anche lastre di vetro rotte. Tra i cespugli, inoltre, sono stati rinvenuti diversi indumenti, delle sdraio attaccate alle recinzioni con le catene, una bicicletta attaccata un palo e tanti altri oggetti che evidenziano il degrado della zona.

Continue Reading

Trending