Connect with us

Notizie

Prelievo di fegato al Dimiccoli di Barletta, il donatore era in attesa di trapianto

Era in attesa di un trapianto il 64enne di Canosa di Puglia, la famiglia ha autorizzato il prelievo di fegato

Published

on

robot da vinci prelievo rene

All’ospedale Dimiccoli di Barletta è stato effettuato un prelievo di fegato da una persona che era in attesa di un trapianto. Si tratta di un 64enne di Canosa di Puglia, che era da 11 anni sottoposto a dialisi e che varie volte era stato chiamato per un trapianto, ma purtroppo mai era stato possibile trovare un organo compatibile alle sue necessità. La moglie e la figlia del 64enne, dopo la sua morte, hanno autorizzato la donazione del fegato. Immediatamente sono state preparate le sale operatorie dell’ospedale Dimiccoli di Barletta e sotto la direzione del dottor Giuseppe Cataldi è stata eseguita l’operazione.

Il prelievo di fegato ha salvato la vita ad un siciliano

Il prelievo di fegato al Dimiccoli è stato effettuato dall’equipe di Bari guidata dal professor Luigi Lupo. Subito dopo il prelievo il fegato è stato trasportato all’Ismet di Palermo con un volo privato. Il dottor Giuseppe Vitobello, che ha coordinato tutte le operazioni, ha sottolineato che il generoso gesto compiuto dalla moglie e dalla figlia del 64enne di Canosa ha salvato un uomo in Sicilia. Questo caso di emergenza nazionale, reso che la famiglia del pugliese, umile e con una grande fede, ha reso possibile, ha dato prova di come si può far vivere un’altra persona anche in un momento di dolore.

Ristretti i tempi dell’intervento

Le tempistiche per il prelievo di fegato al Dimiccoli di Barletta sono state molto brevi. Il dottore Vitobello ha detto che ci sono sei ore di tempo tra l’accertamento del decesso e la ricerca di casi che possono essere aiutati dopo che la famiglia dà il consenso alla donazione. Entro questi tempi bisogna cercare il ricevente e che i due organi siano compatibili. Durante questa pandemia, ha detto il dottore, nell’ospedale è stata creata una stanza per accogliere le famiglie e metabolizzare il lutto. Il Commissario straordinario della Asl Bt, Alessandro Delle Donne, ha detto che la famiglia che non ha avuto il minimo dubbio a dare il consenso alla donazione.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Incontri

E’ dedicata alla Puglia la prossima puntata di Linea Verde

La puntata di Linea Verde di domenica 23 gennaio sarà dedicata alla Puglia

Published

on

Linea Verde Puglia

Si parlerà della Puglia nella puntata di Linea Verde di domenica 23 gennaio che verrà trasmessa su Rai Uno alle 12.20. Condotta da Beppe Convertini e Peppone Calabrese, la trasmissione avrà come filo conduttore un famoso artista, Domenico Modugno, e andrà alla ricerca delle testimonianze sul cantante che ha portato il nome della regione in alto in tutto il mondo. Uno dei due conduttori farà tappa a Polignano a Mare, l’altro sarà invece a San Pietro Vernotico. I due poi si incontreranno, ma dopo aver fatto una chiara ricostruzione della vita del cantante e dei momenti vissuti in Puglia.

Di cosa si parlerà a Linea Verde

L’altra tappa della puntata di domenica di Linea Verde sarà a Ostuni, e porterà il pubblico a scoprire il Parco Naturale Regionale delle dune costiere. I due conduttori durante la puntata percorreranno itinerari naturalistici e storici di straordinaria importanza, Beppe a cavallo e Peppone in e-bike, allo scopo di approfondire la conoscenza del territorio che si è trasformato da qualche anno in un’oasi sul mare. Peppone e Convertini scenderanno in un frantoio ipogeo per cercare reperti che possono raccontare la storia dell’olio, ma faranno anche tante altre cose, come per esempio andranno dietro alle greggi nei pascoli per comprendere meglio come possono essere utili al territorio gli animali.

Tante avventure con i conduttori

Peppone Calabrese e Beppe Convertini, come al solito, intratterranno il pubblico immergendosi in esperienze uniche e fantastiche. Inoltre, ascolteranno i racconti di chi ha messo la propria conoscenza al servizio della didattica, come per esempio hanno fatto i vecchi pescatori di fiume che oramai sono diventati dei veri e propri guardiani dell’ecosistema. Prima di andare via dalla città bianca, i due conduttori si occuperanno di parlare di un’altra attività di recupero del territorio e delle radici, in particolare degli orti urbani, che riempiono di colore Ostuni anche nella stagione invernale.

Continue Reading

Trending