Connect with us

Notizie

Al via progetto in Puglia che prevede la presenza di chef stellati nelle scuole

Gli chef stellati nelle scuole della Puglia incontreranno gli allievi degli alberghieri

Published

on

chef stellati

Partirà il 9 maggio da Bari il progetto che prevede la presenza di chef stellati nelle scuole della regione Puglia. Secondo quanto emerso da alcune ricerche, il motivo principale di viaggio in Puglia è l’enogastronomia e i turisti hanno come maggiore desiderio quello di scoprire il territorio tramite i prodotti di qualità. Dopo il successo al Vinitaly di Verona, la Regione Puglia ha preso parte anche alla 17esima edizione di Identità Golose a Milano, dove ha lanciato il progetto «Puglia, Identità e Storie di Gola». Questo progetto si propone di far collaborare tutti gli istituti alberghieri del territorio pugliese.

Gli allievi incontreranno gli chef stellati nelle scuole

L’assessore regionale al Turismo Gianfranco Lopane ha detto che questa grande iniziativa nasce dalla collaborazione con Identità Golose e si propone di far percorrere ai giovani che saranno i protagonisti della ristorazione del futuro un’esperienza unica incontrando gli chef stellati nelle scuole. Saranno gli chef ad incontrare gli studenti, ai quali parleranno dei percorsi eccellenti che hanno fatto la fortuna di alcune attuali realtà. Questo progetto è anche importante perché farà capire ai giovani quanto possa essere determinante scegliere come professione quella alberghiera o della ristorazione, e potrebbe dare un impulso per avere più persone competenti.

Il progetto di Identità Golose mira all’Academy pugliese

Lopane ha aggiunto che questo progetto degli chef stellati nelle scuole per incontrare gli studenti è solo il primo passo di un percorso che dovrebbe portare alla creazione di corsi di alta formazione, per poi giungere alla realizzazione di una Academy pugliese. Paolo Marchi, patron di Identità Golose, ha detto che non si tratta soltanto di andare a scoprire le pasticcerie, i ristoranti e le pizzerie migliori della Puglia, ma di concentrare l’attenzione su quello che avviene dietro, ovvero sulla formazione dei professionisti. La Puglia deve diventare una regione con una meta gastronomica forte e per farlo deve superare le sue diversità territoriali.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Puglia, arriva il fotovoltaico gratis sui tetti

Per il fotovoltaico gratis sui tetti sono a disposizione 6,8 milioni di euro a fondo perduto

Published

on

fotovoltaico innovativo

La Puglia è la prima regione in Italia a dare il via al cosiddetto Reddito energetico, ritenuto una vera e propria svolta nella lotta alla povertà energetica che assilla in modo particolare le famiglie a basso reddito. Il caro bollette è diventato una vera ossessione e per questo l’obiettivo è trasformare con il reddito energetico anche i consumatori passivi in produttori di energia, agevolando il passaggio alle fonti rinnovabili. Tutto questo sarà possibile con il fotovoltaico gratis sui tetti, per realizzare il quale sono a disposizione 6,8 milioni di euro a fondo perduto. Scopo della misura è rendere l’Italia indipendente per il suo fabbisogno energetico.

Con il fotovoltaico gratis sui tetti producono tutti

Riccardo Fraccaro ha reso noto che la Regione Puglia ha pubblicato l’avviso per accedere al Reddito energetico rivolto a nuclei familiari che hanno un Isee inferiore a 20mila euro. Con il fotovoltaico gratis sui tetti, l’energia in più prodotta servirebbe ad alimentare la misura e ad assegnare ad altri beneficiari le risorse. Tuttavia, se adesso l’energia da rinnovabili è meno cara, perché i consumatori non possono acquistare elettricità da tali fonti, azzerando i costi di gas e combustibili fossili? Il contributo che si può ottenere a fondo perduto è di massimo 6.000 euro e riguarda anche l’installazione di impianti fotovoltaici, solari termo-fotovoltaici o microeolici per far funzionare gli impianti in condominio.

Domande a partire dal 25 maggio

Fraccaro ha aggiunto che il Reddito energetico è stato l’elemento importante per favorire l’alleanza tra la coalizione per la Puglia e il M5S. L’energia in più prodotta verrà usata per alimentare la misura e assegnare ad altri beneficiari le risorse. Sarà possibile richiedere il Reddito energetico a partire dal 25 maggio. Coloro che hanno i requisiti richiesti potranno presentare la domanda di installazione degli impianti e ottenere un contributo di 8.500 euro per acquistare e installare sistemi di accumulo.

Continue Reading

Trending