Connect with us

Notizie

In Puglia nel 2020 in aumento i casi di violenza donne

I casi di violenza donne in Puglia sono in crescita, nel 2020 sono aumentati del 14%

Published

on

violenza donne

Nel 2020 i nuovi accessi per violenza donne ai Centri antiviolenza pugliesi sono stati 2.349. L’aumento è stato di 290 casi rispetto al 2019, per una percentuale del +14%. I dati sono stati esposti durante una conferenza stampa che si è tenuta a Bari il 24 novembre. Dai dati è emerso che nel 90% dei casi le donne vittime di violenza sono di nazionalità italiana. Inoltre, è stato possibile accertare dai dati che in prevalenza fra gli autori delle violenze figurano il partner e l’ex partner, due tipi di autori che costituiscono l’81% dei casi.

Casi di violenza donne in Puglia in crescita

Nel 12% dei casi gli autori di violenze fanno parte della fascia dei parenti. Nel 53,3% il partner è l’autore dei casi di violenza donne. Anche gli “ex” partner agiscono con violenza nel 27,5 % dei casi, anche se il rapporto è finito. Ad essere più esposte alla violenza sono le donne coniugate e conviventi, a seguire vi sono le donne nubili e le donne separate o divorziate. La fascia di donne più colpite è quella appartenente all’età compresa tra i 30 e i 49 anni, che costituisce il 58%, ma anche le donne di età compresa tra i 18-29 anni sono ampiamente colpite, e riguardano il 15,7%. Come titolo di studio prevalgono donne che hanno la scuola media inferiore, poi quello di scuola media superiore e poi quelle laureate.

Nel 2020 in Puglia ha denunciato il 39,3%

La tipologia di violenza prevalente nel 2020 è stata quella psicologica, a cui segue quella fisica e poi lo stalking. Prima di contattate il centro antiviolenza il 68% delle donne si era già rivolto ad altri servizi. Nel 2020 in Puglia ha denunciato il 39,3%, mentre nel 2019 sono state di più, il 52,3%. Di queste donne sono il 27,6% ha un’occupazione stabile, mentre il 44,8% di donne è senza occupazione e il 18,4% di donne ha un’occupazione precaria. Il 66% del totale è rappresentato dalle donne con figli e i minori che hanno seguito le madri nelle case sono 106.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Giochi del Mediterraneo 2026, presentato il piano a Taranto

A Taranto è stato presentato il piano per i Giochi del Mediterraneo 2026

Published

on

giochi mediterraneo 2026

Sono stati annunciati a Taranto i preparativi per i A Taranto è stato presentato il piano per i Giochi del Mediterraneo 2026, giunti alla XX edizione. I lavori al Salone degli Specchi del Comune di Taranto sono stati presieduti dal presidente del Coni, e vi hanno preso parte fra i rappresentanti istituzionali dei Giochi e della Regione Puglia il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, Davide Tizzano, presidente del Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo,Elio Sannicandro, Direttore di ‘Taranto2026’ e i sindaci dell’Area jonico-tarantina. Il presidente Malagò ha detto che il 2026 sarà per lo sport italiano un anno speciale.

Giochi del Mediterraneo 2026 giunti alla XX edizione

Oltre alle Olimpiadi Invernali di Milano Cortina, l’Italia ospiterà la XX edizione dei Giochi del Mediterraneo 2026 che si svolgeranno a Taranto. Malagò ha sottolineato che per il paese si tratta di un altro riconoscimento importante, ma lo è in modo particolare per il mondo sportivo che ha come riferimento il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, all’estero apprezzato per aver organizzato i grandi eventi alla perfezione. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha condiviso con Malagò le parole sulla pianificazione e l’organizzazione della kermesse, e ha ribadito che la volontà della Puglia è di impegnarsi per far riuscire la manifestazione.

I giochi valorizzano il territorio

Elio Sannicandro, Direttore ‘Taranto2026’, ha detto che i Giochi del Mediterraneo daranno ancora più valore alla storia millenaria di Taranto. La città si sta preparando per accogliere un evento internazionale che le darà una grande ribalta. L’intera Area jonico-salentina si sta impegnando per rappresentare l’Italia in maniera degna e torna protagonista del Mediterraneo. Inoltre, i sindaci dell’area jonico-salentina hanno firmato un documento per chiedere al Governo italiano il sostegno economico-finanziario necessario per garantire lo svolgimento della XX edizione dei giochi. Il documento è stato inviato al Presidente Mario Draghi, ai Ministri Mara Carfagna e Daniele Franco, e a Valentina Vezzali, Sottosegretario allo Sport.

Continue Reading

Trending