Connect with us

Notizie

Puglia, concorso per ingegneri e geologi

Il concorso per ingegneri e geologi indetto dalla Regione Puglia è finalizzato alla copertura di 6 posti di lavoro

Published

on

Puglia, concorso per ingegneri e geologi

La selezione pubblica per il concorso per ingegneri e geologi indetto dalla Regione Puglia è rivolta a laureati ed è prevista l’assunzione a tempo determinato per 6 posti di lavoro. Le domande si potranno presentare fino al 4 Novembre 2021. Le figure selezionate saranno 2 geologi, da impiegare nelle attività di prevenzione del rischio idrogeologico, e 4 Ingegneri Civili, da impiegare nelle attività di gestione, controllo, progettazione di interventi di protezione civile. I candidati dovranno avere cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, dovranno avere idoneità psicofisica alla mansione, godere dei diritti civili e politici e devono essere inclusi nell’elettorato politico attivo.

Il concorso per ingegneri e geologi prevede 6 assunzioni

I candidati che vorranno partecipare al concorso per ingegneri e geologi dovranno avere età non inferiore ai 18 anni e non superiore ai 65. Devono anche avere una buona conoscenza della lingua inglese e nozioni di informatica più diffusi. I titoli di studio richiesti sono: per i geologi, Laurea classe L-34 in Scienze Geologiche o classe LM-74 in Scienze e Tecniche Geologiche, oppure diploma di Laurea vecchio ordinamento, oppure laurea specialistica o magistrale in una delle classi considerate equipollenti a quelle prima indicate. Per gli ingegneri civili è richiesta laurea classe L-07 Ingegneria Civile e Ambientale, LM-23 Ingegneria Civile, LM-35 Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, oppure Diploma di Laurea, laurea specialista o magistrale n una delle classi considerate equipollenti a quelle prima indicate.

Informazioni su retribuzione e selezione

I candidati che vinceranno il concorso per ingegneri e geologi saranno retribuiti con uno stipendio mensile pari a € 1844,62. La selezione verrà fatta tramite valutazione dei titoli e un colloquio orale, improntato sugli argomenti indicati nel bando. I candidati dovranno inviare la domanda per partecipare al concorso entro il 4 Novembre 2021 a mezzo PEC, all’indirizzo: reclutamento.personale.protezione.civile@pec.rupar.puglia.it. Alla domanda di ammissione occorre allegare il proprio curriculum formativo e professionale.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Vaccino per 14enne fragile, il tribunale autorizza anche se il padre no vax nega il consenso

Il tribunale di Brindisi ha autorizzato il vaccino per 14enne fragile, la madre potrà procedere anche se il padre non vuole

Published

on

vaccino covid Puglia

La madre di un ragazzino affetto da svariate patologie potrà farlo vaccinare anche se il padre non vax ha negato il consenso. E’ quanto ha deciso il tribunale di Brindisi, che ha autorizzato la madre a far fare il vaccino per 14enne fragile, anche se il padre non vuole, come da pianificazione della campagna vaccinale. Il trattamento era stato consigliato dai medici della Asl, ma il padre del ragazzino si era opposto. Così la donna ha fatto ricorso al tribunale per capire se poteva fare il vaccino al figlio anche senza il consenso del padre. E così è stato, la donna ha vinto il ricorso e potrà fare vaccinare il figlio come le era stato consigliato dai medici.

Autorizzato il vaccino per 14enne fragile

I medici della Asl avevano detto infatti alla donna che non c’era alcun rischio per il figlio, sarebbe invece stato in grave pericolo se fosse stato contagiato. La decisione urgente chiesta al Tribunale riguardo il vaccino per 14enne fragile ha trovato la risposta tanto attesa grazie al presidente Alfonso Pappalardo. I genitori del ragazzino stanno per divorziare, e da qui la necessità di avere un parere urgente per la donna, visto che non poteva avere più dalla sua parte il marito, considerata la situazione. Nell’ordinanza c’è scritto che, nella vaccinazione, essendo impossibile cercare il rischio zero, va fatta una valutazione rischio -beneficio.

Per il 14enne il vaccino rappresenta un beneficio

I giudici ha detto, in base a questo caso specifico, e sulla base della consulenza, che la valutazione del rischio beneficio è favorevole al beneficio per i soggetti che sono ancora più piccoli di età del 14enne. A rafforzare la valutazione di carattere generale è il rischio di forme complicate e gravi di Covid 19, soprattutto nel caso di situazioni particolari di salute, come quella del ragazzino in questione. Il consulente ha asserito che se si dovesse attendere una valutazione anche sulla frequenza di eventi avversi a lungo termine prima dell’immissione di un qualsiasi farmaco in commercio, la scienza sarebbe stata paralizzata.

Continue Reading

Trending